Milano, marzo 2014 – Riaprire il dialogo tra la filiera delle due e quattro ruote e l’Esecutivo, dopo l’inconcludente esperienza della Consulta dell’auto; stimolare un serio e costruttivo dibattito sul presente e sul futuro della mobilità; illustrare, attraverso approfondite analisi, i principali trend che stanno modificando le dinamiche della mobilità cittadina; risvegliare la passione da sempre legata a filo doppio alla guida di auto e moto.
 Sono questi i principali obiettivi della nuova tappa di Missione Mobilità, l’evento promosso da Amoer – Associazione per una mobilità equa e responsabile – il 7 aprile a Milano (Hotel Melià, in via Masaccio, 19) dalle ore 09:30 alle 16:00.
Dopo le tre positive esperienze degli scorsi anni (a Torino, Roma e Milano), Missione Mobilità torna nella capitale economico-finanziaria del Paese con una giornata ricca di incontri che vedranno confrontarsi istituzioni, imprenditori, giornalisti, esperti del mondo scientifico e universitario, rappresentanti della filiera della mobilità e appassionati dei motori su argomenti di stretta attualità per il settore.
“Rivoluzione Mobilità: ma la passione dove la mettiamo?”, è il titolo e il tema guida dell’iniziativa. Protagoniste della giornata, come da tradizione, saranno le provocazioni e le idee portate avanti dalla Task Force della Mobilità di Amoer, il Think Tank composto da giornalisti, docenti, esperti e appassionati delle quattro e due ruote, che seguirà i lavori commentando e sollecitando i diversi ospiti che si alterneranno sul palco e avanzando le “proposte per reagire alla crisi”.
Seguirà il Talk Show moderato da Klaus Davi nel corso del quale gli ospiti-relatori saranno chiamati a lanciare uno spot per l’automotive sul tema “Motori: la passione prima di tutto”, idee e provocazioni per rilanciare immagine e passione per la mobilità.
 Toccherà poi ai rappresentanti della filiera dell’automotive (Massimo Nordio, presidente Unrae; Roberto Vavassori, presidente Anfia; Filippo Pavan Bernacchi, presidente Federauto; Pier Francesco Caliari, direttore generale Ancma; Fabrizio Ruggiero, presidente Aniasa; Fabio Bertolotti, direttore Assogomma; Giorgio Boiani, vice presidente AsConAuto) moderati dal presidente di Amoer-Missione Mobilità, Pierluigi Bonora, confrontarsi con esponenti della politica nazionale nel corso della tavola rotonda dal titolo “Le istituzioni battano un colpo”.
A seguire la presentazione della ricerca/provocazione curata, come nelle scorse edizioni, da AlixPartenrs sul tema “Car sharing, dal possesso alla fruibilità dell’auto. Sfide e opportunità della nuova mobilità urbana”, i cui principali  risultati saranno anticipati la mattina e approfonditi nel pomeriggio dall’ing. Giacomo Mori, managing director di AlixPartners, e dal moderatore Gian Primo Quagliano, presidente Econometrica e Centro Studi Promotor con i rappresentanti di Case automobilistiche e aziende del settore.
 Nel corso della giornata spazio anche al Premio Amoer-Missione Mobilità destinato all’iniziativa che per il movimento di opinione si è meglio distinta a sostegno della mobilità a motore.
 <<Non devono trarre in inganno i primi segnali positivi mostrati dal mercato dell’auto negli ultimi due mesiosserva Pierluigi Bonora giornalista e presidente di Amoerla crisi è ancora profonda per un settore che difficilmente potrà fare peggio dello scorso anno, ma che in pochi mesi ha bruciato altri posti di lavoro e risorse. Con la chiusura dell’esperienza di dialogo portata avanti dal precedente Governo, il “cerino” è rimasto nuovamente acceso tra le mani delle Associazioni di categoria che pure confidavano nel dialogo aperto dalla Consulta dell’Auto. In queste prime settimane il tema della crisi dell'auto non è stato però minimamente sfiorato dal nuovo Esecutivo, almeno ufficialmente; e intanto l'accanimento sull'automotive è continuato con l’aumento, pur se già previsto, delle accise sui carburanti, il decimo ritocco al rialzo in Italia negli ultimi cinque anni. Missione Mobilità, ancora una volta, vuole contribuire a portare i problemi del settore all’attenzione dei media e delle Istituzioni attraverso un dibattito franco e mirato>>.

SHARE
Elettra Cortimiglia
Generazione ‘95, è amante della musica, in particolare dei Linkin Park. Conosce il mondo dei motori perché si ritrova in famiglia due giornalisti d’auto. Per la serie: non c’è 2 senza 3! Gestisce una bellissima pagina Facebook dedicata ai Linkin Park e al vocalist della band.