Roma – Infuriano le polemiche dopo lo spot di Ryanair pubblicato sul sito italiano della compagnia, in cui viene mostrato Umberto Bossi con il medio alzato mentre dice di infischiarsene degli italiani.
Il ministro Matteoli ha affermato in merito: <<E’ inaccettabile che
una compagnia straniera ospite dei nostri cieli ed aeroporti usi in modo offensivo un ministro della Repubblica per farsi pubblicità è inaccettabile oltre che volgare come ho avuto già modo di affermare – ha detto – Che adesso invece di chiedere scusa e provare a riparare, Ryanair attacchi la compagnia di bandiera italiana e i comportamenti del governo italiano è davvero sgradevole. Convocherò i vertici di Enac per verificare eventuali iniziative da assumere nel rispetto delle norme vigenti>>. L’altra brutta notizia arriva proprio dalla casa del vettore guidato da Michael O’Leary, l’Irlanda, dove in conseguenza della deludente trimestrale presentata, con profitti scesi dell’85% a causa del caro carburante, la compagnia non solo perde in Borsa ben il 26%, ma si prepara a chiudere l’esercizio annuale in “rosso”, circostanza mai verificatasi da quando il titolo è approdato in Borsa nel 1997. Nei primi tre mesi l’ utile è ammontato a 21 milioni di euro, rispetto a 138,9 milioni del pari periodo di un anno fa.  (ore 15:00)