Roma – Se i prezzi di listino dei modelli nuovi sono ormai equiparati in tutta Europa (le vere variazioni ci sono solo per via delle diverse dotazioni di serie e per le tassazioni locali) quelli dei ricambi invece mostrano incredibili e inspiegabili differenze. Questo il risultato di una grande inchiesta Dat- Italia (condotta in Italia, Francia, Germania e Spagna) che ha preso in considerazione i ricambi più usati per le auto più vendute in Italia. Parti coinvolte nell’80% dei sinistri (paraurti, fari, cofani, parabrezza, ecc.) e quindi con maggiore incidenza sui costi delle assicurazioni.
Dall'analisi emerge che l'Europa Unita è ancora lontano da venire sul fronte dei costi dei prezzi di ricambio: in Francia i più cari, in Germania i più economici. Italia e Spagna nel mezzo. Ma sono enormi le differenze su alcuni pezzi, con una riduzione del 16 – 20 % in meno rispetto all’Italia per i portelloni paraurti e portiere di VW Golf, Mercedes Classe A e Fiat 500 sul mercato tedesco.
La Francia invece è quella più cara perché qui gli stessi ricambi costano molto di più, con incrementi di prezzo che viaggiano tra il 20 ed il 30% come nel caso della VW Golf (parabrezza, portiera anteriore, paraurti), Fiat 500 e Ford Fiesta. Clamoroso il fatto che anche i ricambi della Renault costano di più nella madrepatria che in Italia e ancora meno in Spagna. Unica eccezione in Francia è costituita dalla politica commerciale Mercedes che fa pagare i ricambi meno che in Italia; mentre anche in Spagna si paga qualcosina in meno per gli stessi ricambi rispetto all’Italia.
Va detto che i prezzi di listino dei ricambi sono quelli che le assicurazioni pagano effettivamente quando rimborsano i sinistri, come pure i privati che si recano al banco per sotituzioni “fai da te”, pratica questa che sta diventando sempre piu’ di moda. Il prezzo di listino e’ comunque il prezzo di base per eventuali sconti riservati agli operatori del settore (autoriparatori).
<<E’ chiaroafferma l’ing. Coppola direttore generale di Dat-Italiache le politiche di prezzo dei ricambi praticate dai costruttori e dagli importatori nei vari paesi europei ha una notevole influenza sui costi assicurativi, sulle importazioni e vendita di ricambi alternativi e non ultimo sulla convenienza a riparare i componenti dei veicoli danneggiati piuttosto che ripararli. Dopo tutto le auto le assemblano e le producono i costruttori, ma senza i concessionari che le sanno vendere e gli artigiani che le sanno riparare non ci sarebbero auto in circolazione>>.