Yokohama – Gli azionisti di Nissan Motor Company hanno espresso il proprio assenso nei confronti del Ceo e del CdA dell’azienda, approvando in maniera pressoché unanime le tre proposte avanzate dal management durante la 115ma Assemblea ordinaria degli azionisti. Per l’occasione, il Presidente e Ceo Carlos Ghosn e il Cco (Chief Competitive Officer) Hiroto Saikawa hanno analizzato le performance aziendali dell’ultimo anno fiscale, oltre alle previsioni per il prossimo anno. La 115ma Assemblea durata un’ora e 49 minuti, si è svolta alla National Convention Hall di Yokohama alla presenza di 1.617 azionisti.
I tre punti approvati dagli azionisti sono i seguenti: appropriazione degli utili non distribuiti per lo scorso anno fiscale e importo totale dei dividendi corrisposti agli azionisti; elezione di tre nuovi direttori per coprire i posti vacanti nel CdA; elezione di tre sindaci effettivi.
L’implementazione del piano aziendale Nissan Power 88 è a metà strada. Gli obiettivi conseguiti nell’anno fiscale 2013 sono stati messi in evidenza nel report aziendale redatto da Saikawa: il Cco ha definito il 2013 un anno memorabile per l’azienda, che infatti ha compiuto molti passi avanti in termini di performance finanziarie e commerciali ed espansione aziendale, consolidando la propria leadership nel campo delle emissioni a impatto zero e sviluppando rivoluzionarie tecnologie di guida automatica, senza dimenticare il lancio di prodotti e tecnologie all’avanguardia.
Ghosn ha presentato agli azionisti le previsioni per il prossimo anno fiscale, illustrando ancora una volta la strategia globale implementata per conseguire un’ulteriore crescita: durante il prossimo anno fiscale di Nissan (aprile 2014 – marzo 2015), per il settore automobilistico mondiale si prospettano volumi di vendita pari a 84,4 milioni di unità, che equivarrebbero a un aumento dell’1,6% su base annua. Per questo esercizio, quindi, l’azienda si aspetta un incremento delle vendite dell’8,9%, fino a raggiungere 5,65 milioni di unità, per una quota di mercato che toccherebbe la vetta record del 6,7%. L’utile netto, infine, dovrebbe attestarsi attorno ai 405 miliardi di yen (Usd 4,05 miliardi; Eur 2,89 miliardi). Il Ceo ha affermato che la costante crescita degli ultimi anni ha garantito a Nissan una posizione finanziaria favorevole, consentendo all’azienda di distribuire agli azionisti un dividendo pari a 30 yen per azione nell’esercizio fiscale 2013. Per l’esercizio fiscale 2014, Nissan prevede un aumento del dividendo del 10%, raggiungendo quindi 33 yen per azione. Secondo Ghosn, la forte crescita finanziaria prevista per la seconda fase del Nissan Power 88 determinerà una soglia minima del rapporto utili/dividendi compresa tra il 25% e il 30% dell’utile netto.