Madrid – Dopo avere già annunciato nei giorni scorsi un pesante piano di ristrutturazione, Spanair, compagnia aerea spagnola filiale del gruppo scandinavo Sas, ha reso noto che del piano di risanamento aziendale fa parte anche la chiusura di cinque delle sue sette basi operative e un drastico taglio di personale: da 780 a 970 posti a tempo indeterminato, per arrivare a un massimo di 1.100 licenziamenti.
Colpito dai tagli anche il personale di volo e di terra: da 95 a 105 piloti; fra 140 e 215 hostess o steward di cabina, da 110 a 140 lavoratori del personale aeroportuale; 70-90 agenti addetti alla vendita dei biglietti; fra 50 e 60 agenti del call center; fra 55 e 70 meccanici e circa 290 amministrativi. La riduzione dei costi riguarderà anche la flotta aerea, per cui resteranno a terra 15 dei 61 aerei della compagnia.
Col piano di ristrutturazione la compagnia prevede di risparmiare 90 milioni di euro nel 2009 e di poter tornare nuovamente in attivo nel 2010. Dopo la presentazione del piano di ristrutturazione, i 3.800 dipendenti di Spanair dovranno designare i delegati al tavolo dei negoziati, che la compagnia prevede di concludere per Settembre. (ore 12:00)