Hannover –  Il Gruppo Continental rivede ancora una volta le previsioni per l’anno fiscale 2014 dopo un buon primo semestre. <<Ora abbiamo intenzione di realizzare un Ebit rettificato di circa l'11% invece del 10,5% previsto in precedenza. Grazie alla buona performance nel primo semestre dell'anno, ci aspettiamo ora che il free cash flow prima delle acquisizioni superi euro 1,5 miliardi, avendo precedentemente preventivato un valore di oltre euro 1,2 miliardi –  ha dichiarato Elmar Degenhart, chairman dell'executive board Continental in occasione della presentazione dei risultati dopo la prima metà dell'anno – Il positivo sviluppo dei costi delle materie prime, nonché i continui miglioramenti dell’efficienza hanno contribuito a una previsione più positiva. Come già indicato nel report del primo trimestre, tuttavia, gli effetti del cambio avranno un forte impatto negativo sul fatturato nel 2014. Invece di euro 700 milioni, stimiamo un effetto negativo di circa euro 1 miliardo. Ci aspettiamo quindi un limitato au-mento del fatturato consolidato con un valore pari a circa euro 34,5 miliardi>>.
Il fatturato consolidato, rettificato per gli effetti relativi all'area di consolidamento e per i tassi di cambio, è aumentato anno su anno del 5,7% nel primo semestre dell'anno. Prima di questi effetti, tuttavia, la crescita era del 2,1%, portando il fatturato consolidato a euro 16,9 miliardi. Solo nel primo semestre, l'effetto negativo di traduzione della valuta era circa euro 600 milioni. L’utile netto attribuibile agli azionisti della capogruppo ha mostrato un aumento superiore alla media del 14,2% pari a euro 1,3 milioni. Di conseguenza, l’utile per azione è salito a euro 6,52 , dopo aver toccato quota euro 5,71 nello stesso periodo dell'anno precedente. Al 30 giugno, anche l’Ebit era aumentato più velocemente rispetto al fatturato con una crescita anno su anno del 11% pari a € 1,8 miliardi. Ciò equivale a un margine del 10,7% dopo il 9,8% dell'anno precedente. Nella prima metà dell'anno, l'Ebit rettificato è salito del 10,2% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente ed è pari a circa euro 2 miliardi. Con un valore dell’ 11,6%, il margine Ebit rettificato ha così superato il 10,8% dopo i primi sei mesi del 2013.
Il Gruppo Continental ha ridotto l’indebitamento netto al 30 giugno a euro 4,3 miliardi. Un risultato inferiore a quello di 1 anno fa di euro 1,7 miliardi in meno e anche appena sotto il livello al 31 dicembre 2013. Il rapporto di indebitamento è migliorato fino ad arrivare al 42,4% alla fine del primo semestre dell'anno.
<<Nel primo semestre del 2014 siamo stati in grado di ridurre la spesa per interessi netti di quasi € 220 milioni arrivando a € 141 milioni, tagliandola di più della metà – ha spiegato il Cfo Wolfgang Schäfer – Questo è stato possibile in parte grazie alle migliori condizioni di finanziamento caratte-rizzate dal nuovo prestito sindacato che ha sostituito quello vecchio ad aprile 2014, e in parte grazie all'abbassamento del tasso di interesse nominale medio delle obbligazioni, che abbiamo emesso dal 7,5% a poco meno del 2,9% nel 2013>>.
Nella conto economico del primo semestre del 2014, Continental ha registrato delle imposte sui redditi, per un totale di circa € 324 milioni. Ciò equivale a un'aliquota fiscale del 19,4% contro il 6,6% dell'anno precedente. <<Il basso tax rate è dovuto alle attività per imposte anticipate capitalizzate che in precedenza non erano state utilizzate e ora possono essere utilizzate grazie ai risultati economici positivi – ha spiegato Schäfer – Continental aveva già raggiunto un effetto simile nel 2013 con l'utilizzo del carico fiscale negli Usa riportato a nuovo. Per l’intero anno 2014, ci aspettiamo un'aliquota fiscale inferiore al 25%>>.
Al 30 giugno 2014, Continental aveva una liquidità di quasi euro 6 miliardi, compresi circa 2 miliardi di disponibilità liquide ed equivalenti e quasi 4 miliardi in linee di credito impegnate e inutilizzate. Continental ha migliorato il free cash flow dopo i primi due trimestri di 663 milioni portandolo a 575 milioni. <<Il positivo sviluppo del nostro free cash flow è dovuto sia alle positive prestazioni di guadagni sia ai nostri sforzi sistematici per ridurre il capitale circolante>>, ha aggiunto Schäfer.
Nei primi sei mesi, Continental ha investito 794 milioni in immobilizzazioni materiali e software. Il rapporto della spesa in conto capitale è stata pari al 4,7% dopo il 5,2% nello stesso periodo dell'anno precedente. Continental ha aumentato la propria spesa per ricerca e sviluppo dell'8,8% in confronto alla prima metà del 2013. Il valore è pari a circa 1,1 miliardi. Ciò corrisponde al 6,3% del fatturato dopo il 6,0% di un anno fa. Alla fine del secondo trimestre, Continental registra 186.278 dipendenti con un incremento di circa 8.500 unità rispetto alla fine del 2013. Ciò è dovuto in primo luogo ad avvii di produzione, all’espansione di ricerca e sviluppo dell’Automotive Group e all’incremento della capacità di produ-zione, canali di vendita ed acquisizioni del Rubber Group.
Nei primi sei mesi dell’anno, l’Automotive Group ha prodotto un fatturato di 10,3 miliardi. Prima dell’effetto dei cambi, il fatturato è cresciuto del 6,7% nella prima metà del’anno. Con l’ 8,4%, il margine Ebit rettificato è stato superiore a quello dell’anno precedente pari al 7,8%. Nella prima metà dell’anno, il Rubber Group ha prodotto un lieve incremento di fatturato pari a  6,6 miliardi, ottenendo un margine Ebit rettificato del 17,5%, che è analogo al dato comparativo del 16,0% dell’anno precedente.