Roma – Rischia di passare inosservato, nel pieno delle ferie di agosto, un provvedimento che minaccia di cambiare radicalmente il percorso intrapreso da tempo per le modifiche al Codice della Strada, attualmente in discussione alla Commissione Trasporti della Camera. È stato infatti accolto l'emendamento avanzato ieri da Scelta Civica che elimina la proposta di introduzione, anche in Italia, del "senso unico eccetto bici" (detto anche "controsenso ciclabile"), ovvero la possibilità per i ciclisti di procedere nel senso inverso a quello delle auto in strade ben specifiche, aree 30 km/h su vie a senso unico sufficientemente larghe e sempre a discrezione del sindaco, in funzione alle esigenze del traffico locale .
Fiab, la Federazione Italiana Amici della Bicicletta che con i suoi 20.000 soci è la più forte realtà associativa dei ciclisti italiani non sportivi, deplora quanto accaduto e chiede ufficialmente ai rappresentanti di Scelta Civica di motivare la scelta con dati e numeri inoppugnabili e pareri tecnici validi. Il "controsenso ciclabile", infatti, è già adottato con successo in moltissime città europee, non è pericoloso se correttamente regolamentato e, inoltre, incentiva notevolmente l'utilizzo della bicicletta per gli spostamenti all'interno dei centri urbani. I dati, di cui nel nostro Paese non sembra sia importante tenerne conto quando si devono prendere delle decisioni, ne sono una conferma.
Un esempio per tutti il caso Bruxelles dove sull'85% delle strade a senso unico presenti in città – pari a ben 400 km – è ammesso il "controsenso ciclabile". Secondo uno studio avvenuto nell'arco di tre anni , il 95% degli incidenti occorsi ai ciclisti nella capitale del Belgio è avvenuto su strade prive di "controsenso ciclabile" e solo il 5% su strade che prevedono il "senso unico eccetto bici"(e che rappresentano il 25% del totale delle strade). Di questo 5%, inoltre, solo la metà procedeva controsenso.
<<Nelle due città italiane in cui è stata ammessa, in alcune strade all'interno delle aree 30 km/h,  la circolazione delle biciclette in senso opposto a quello delle auto, gli incidenti gravi ai ciclisti si sono praticamente azzeratidice l'on. Paolo Gandolfi, relatore del disegno di leggeIl controsenso ciclabile è, infatti, un tassello fondamentale nel percorso di ristrutturazione della mobilità all'interno dei centri urbani, per vivere in città sempre più sicure e sostenibili>>.
Giulietta Pagliaccio, presidente nazionale Fiab commenta: <<Sorprende non poco che, proprio in pieno agosto, sia stato votato questo provvedimento quando molti sono in vacanza e magari, come me, in bicicletta. Spesso i ciclisti sono considerati un'utenza vulnerabile che, più di altri, patisce i comportamenti scorretti sulla strada, ma non per questo meno attenta sul piano legislativo. Chiedo a tutti coloro che, all'interno delle istituzioni, hanno a cuore il tema della mobilità sostenibile, di non schierarsi da una parte o dall'altra, ma di unire le forze in maniera trasversale affinché, in ogni occasione, si possa arrivare a regole sensate e condivise per lo sviluppo di città più vivibili. Auspichiamo, infine, di poter avere anche in Italia una normativa che, in tema di mobilità ciclistica, ravvicini il nostro Paese all'Europa>>.