Marchionne: L’Italia non cambia, la Fiat sì

Marchionne: L’Italia non cambia, la Fiat sì

Rimini – <<Dal 2010 ad oggi quello che non è cambiato è la misura della crisi che ha colpito l’Italia e l’Europa. Nello stesso periodo è invece cambiato radicalmente il Gruppo Fiat portando avanti il progetto di integrazione industriale ma anche culturale con Chrysler>>.
Lo ha detto Sergio Marchionne, a.d. di Fiat Chrysler Automobiles, intervenendo nella giornata conclusiva del "Meeting dell'amicizia".
<<Sono almeno 10 anni che dico che abbiamo bisogno di riforme e trasformazioni strutturali per recuperare il livello competitivo del Paese ma l’Italia non sembra capace di reagire. Per Fiat guardare un Paese immobile e incapace di avviare anche un piccolo cambiamento è qualcosa di inconcepibile>>.
Ed ancora: <<L’Italia vive oggi una recessione prolungata in condizioni che non sono più in grado di garantire un Paese competitivo. Perdere tempo e sprecare risorse umane e materiali è immorale. Vivere nel mondo globale implica cambiare spesso strategia. Temporeggiare porta nel baratro>>.

NO COMMENTS

Leave a Reply