Roma – Continuano ipotesi ed illazioni sul numero di esuberi che riguarderanno Alitalia. Il premier Berlusconi ha rassicurato, in merito, i dipendenti affermando: <<Air France, quando stava tentando di acquisire Alitalia, e sarebbe stata una svendita da parte del nostro Paese ad Air France, aveva parlato di oltre sette mila esuberi. Noi pensiamo che si possano fare meno esuberi>>.

Con una vis un po’ polemica ha risposto al premier il ministro dell’Economia del Governo ombra del PD, Pier Luigi Bersani, affermando: <<Alla ricerca di un atterraggio politicamente e sindacalmente morbido si continua a far circolare la leggenda, dei 7000 esuberi del piano Air France, leggenda rilanciata ieri a Napoli da Silvio Berlusconi. Si tratta notoriamente di una menzogna. Gli esuberi previsti erano 2150 e non c’era previsione alcuna di “bad company”. Anch’io penso che senza un partner internazionale che intervenga direttamente e immediatamente non ci sia soluzione vera e che il governo debba affrettarsi a cercare quello che si era già trovato. Ma penso anche che se rimanesse lo schema new-bad company qualcuno sarebbe destinato a pagare e qualche altro a guadagnare. Non mi sembra una prospettiva accettabile>>. Quanto al partner internazionale, poi, sia Air France-Klm, sia Lufthansa hanno fatto sapere che <<Non ci sono discussioni in corso con Alitalia>>. (ore 10:50)

NO COMMENTS

Leave a Reply