Ryanair chiuderà l’anno in pareggio

Ryanair chiuderà l’anno in pareggio



Bruxelles – La crisi del trasporto aereo impazza, eppure c’è qualcuno che nel marasma riesce a mantenersi bene in piedi, Ryanair la low cost più famosa del mondo, infatti, sarà una delle poche compagnie europee ad arrivare a fine anno in pareggio o, al peggio, a registrare una piccola perdita. Lo ha dichiarato Michael O’Leary, ceo della compagnia, che ha specificato che Ryanair alla fine di Luglio aveva previsto un risultato per l’intero anno tra il pareggio e una perdita di 60 mln euro (89,86 mln dollari) sulla base dei precedenti acquisti di combustibile, il prezzo del petrolio nel quarto trimestre stimato a circa 130 dollari al barile e a un calo delle tariffe in media del 5%. 
Intanto sul fronte cancellazioni, impazzano le polemiche dopo che prima l’Enac e poi la stessa commissione europea hanno intimato al vettore irlandese di recedere dal proposito di mettere in atto “ingiustificate cancellazioni” di biglietti.
Un portavoce della Commissione Ue, rispondendo ai giornalisti a proposito dell’annuncio da parte del vettore low cost di annullare le prenotazioni effettuate tramite i motori di ricerca dei voli su Internet, anche se non autorizzati, ha infatti, dichiarato:<<Ryanair può organizzare le politiche di prenotazione dei biglietti in modo autonomo, ma esse devono essere trasparenti e chiare non soltanto sui siti in lingua inglese. Se Ryanair cancellasse i biglietti già venduti, la Commissione lo troverebbe deplorabile e interverrebbe>>.
Il Codacons, intanto, ha presentato una denuncia alla Procura della Repubblica di Roma nei confronti della compagnia guidata dall’eccentrico O’Leary e contro gli agenti venditori di viaggio per truffa e frode in commercio. L’associazione a difesa dei consumatori afferma che sono 12.000 i passeggeri italiani che Ryanair minaccia di lasciare a terra e ricorda che il vettore “no frills” ha giustificato la propria intenzione con il tentativo di mettere fine alla guerra contro chi non rispetta le tariffe.
<<Il provvedimento di Ryanair – osserva il Codancos – minaccia di colpire in Italia migliaia di passeggeri che rischiano di vedere rovinate le proprie vacanze. Si tratterebbe di un comportamento ai danni dei consumatori non solo scorretto ma senza ombra di dubbio illegale. Per questo mettiamo a disposizione di tutti i cittadini in possesso dei biglietti in questione l’assistenza legale dei nostri avvocati ricordando che nell’eventualità non fosse garantita la prenotazione dei biglietti, oltre al rimborso degli stessi, i passeggeri avrebbero diritto a un congruo risarcimento danni per la vacanza rovinata, essendo molto difficile trovare e sostituire all’ultimo minuto – conclude l’associazione – un biglietto e una destinazione con un’altra altrettanto gradita>>. (ore 14:10)

NO COMMENTS

Leave a Reply