Padova – Tutto è pronto per Auto e Moto d’Epoca 2014. 12 le grandi Case che partecipano alla 31 edizione assieme a 2mila espositori e più di 4mila auto storiche.
<<Auto e Moto d’Epocaspiega l’organizzatore Carlo Mario Baccaglini, responsabile di Intermeetingè un salone unico perché accosta modelli di ultima generazione e vetture storiche: passato e presente per capire i trend del futuro. Nello stesso tempo, è più il importante mercato mondiale per le auto d’epoca: il luogo scelto da decine di migliaia di appassionati, acquirenti e commercianti italiani e stranieri per vendere, acquistare e ammirare autentici capolavori del passato>>.
Un format che le grandi Case automobilistiche premiano sempre di più. Sono dodici quest’anno:  Abarth, Alfa Romeo, Aston Martin, Audi Sport Club, Bmw, Maserati, Mercedes Benz, Peugeot, Porsche, Toyota, Volkswagen e Volvo.
<<Ognuna porta il meglio della sua storia e gli ultimi modelli sul mercato.  E’ un modo per riaffermare l’originalità di ogni marchio. Una grande tradizione è garanzia di qualità. Inoltre, crescendo ogni anno il numero di cultori e ammiratori del Classic, cresce anche il novero delle persone che cercheranno, nei nuovi modelli, forme e  linee dal sapore retrò che sfuggono all’omologazione>>.
Tante le novità 2014, anch’esse a cavallo tra nuove tecnologie e tradizione. Grande attesa per i Musei Ferrari, l’Enzo di Modena e il Museo di Maranello, che si presentano con la monoposto di Michele Alboreto, con l’ormai celebre simulatore di guida F1 aperto al pubblico e con una prima assoluta per l’Italia: vere e proprie piattaforme sperimentali con migliaia di chilometri di test alle spalle, i sei mulotipi esposti sveleranno agli spettatori come nasce il sogno Ferrari.
Pronta per l’edizione 2014 la app gratuita Auto e Moto d’Epoca realizzata con Vodafone per smartphone e tablet  Android e iOS. L’app consente agli appassionati di essere sempre informati sull’evento e sulle principali novità del settore e sarà arricchita per l’occasione con un gioco aperto a tutti i visitatori: dovranno indovinare a quale Ferrari è collegato ognuno dei mulotipi esposti. Ogni appassionato d’auto potrà divenire, inoltre, reporter della sua stessa visita, postando immagini e commenti semplicemente passeggiando per gli stand. I contributi verranno pubblicati sulla app stessa e sul sito di Auto e Moto d’Epoca.