Bologna – Nel primo semestre del 2014 sono state 7.156.329 le revisioni delle auto effettuate nelle officine private autorizzate. Rispetto al primo semestre 2013 vi è un calo dell’1,4%. Nonostante ciò, sempre rispetto ai primi sei mesi del 2013, la spesa degli italiani per le revisioni e per le connesse attività di prerevisione nel primo semestre di quest’anno è stata superiore dello 0,8% a causa di un incremento dei costi per manutenzione e riparazione e dell’aumento dell’aliquota Iva.
La spesa comprende il pagamento della tariffa per le revisioni che ammonta complessivamente a 469,5 milioni di euro (-0,7% rispetto al 1° semestre del 2013) ed il costo per le cosiddette operazioni di prerevisione, cioè per le riparazioni necessarie per porre i veicoli in condizione di superare i controlli, costo che ammonta a 967 milioni di euro (+1,6%). Questi valori emergono da un’elaborazione eseguita dall’Osservatorio Autopromotec su dati del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.
Nonostante il numero di autoveicoli chiamati a revisione nel primo semestre del 2014 sia stato inferiore a quelli chiamati nel 2013sottolinea l’Osservatorio Autopromotecla spesa degli italiani per la revisione è comunque aumentata. Ciò è dovuto ad un aumento dell’1,6% della spesa per le operazioni di previsione, aumento che è stato determinato sia dal normale incremento dei costi di manutenzione e riparazione che risulta dagli indici Istat, sia dall’incremento dell’aliquota Iva che nel primo semestre 2013 era ancora del 21% ma che nel primo semestre del 2014 era già salita al 22%, essendo stata aumentata l’1 ottobre 2013.

SHARE
Dal 1993 pubblicista iscritta all’Ordine dei giornalisti. Diplomata al Conservatorio, ha fatto esperienze musicali come cantante. Le piace Brahams ma ascolta Charlie Parker. Ha un debole per il sushi e la cucina cinese. Ama i gatti neri. Collaboratrice di Automotonews.com dal 2001.