Maserati A6 1500 e le sue sorelle

Maserati A6 1500 e le sue sorelle

0 15

Modena – Cento anni di orgoglio e creatività italiana. Con le testimonianze e i riconoscimenti incondizionati di tutti i protagonisti del mondo dell’auto e di migliaia di appassionati, il Museo Nicolis di Villafranca festeggia le 100 candeline di Maserati mettendo a disposizione dei visitatori, fino a gennaio 2015, uno dei gioielli delle proprie collezioni: la Maserati A6 1500 del 1947. La vettura, splendida oggi come allora, ha una bella storia da raccontare che ampiamente giustifica il mito di questo marchio Italiano.
Nel gennaio 1940 l’azienda produttrice, acquistata qualche anno prima dall’industriale modenese Adolfo Orsi, fu trasferita nei nuovi stabilimenti di Modena. Lo studio di una vettura granturismo iniziò subito, ma venne bloccato dalla guerra. Nel 1947, la Maserati presentò il prototipo al Salone di Ginevra, un coupé con fari a scomparsa disegnato da Pinin Farina.
La “Maserati A6 1500” del Museo Nicolis è la seconda costruita; nel 1947 fu esposta dalla Carrozzeria PininFarina alla 1° Mostra della Carrozzeria Italiana al Palazzo della Triennale di Milano. Rispetto al prototipo, presenta alcune differenze estetiche come i fari, il doppio vetro laterale, il lunotto, l’andamento della coda.
Nel 1950 la vettura venne esportata in Argentina. Rientrata in Italia alla fine degli anni ‘70, nel 2007 fu acquistata da Luciano Nicolis, fondatore del Museo e grande collezionista, scomparso nel 2012, che la restaurò ripristinandone le caratteristiche originarie fin nei minimi dettagli e restituendo alla storia dell’automobilismo italiano un pezzo di storia che sarebbe andato irrimediabilmente perduto.
Scelta nel 2012 per la mostra inaugurale del nuovo Museo “Casa Enzo Ferrari” come una delle vetture più significative nate a Modena ha partecipato, nello stesso anno, al “Concorso di Eleganza Villa d’Este”, la Mostra che sin dal 1929 presenta in uno dei luoghi più spettacolari e incantati del Lago di Como una rassegna di vetture fra le più belle e prestigiose esistenti al mondo.
La vettura con la quale il Museo Nicolis di Villafranca festeggia i 100 anni di questo marchio e che era, ci piace ricordarlo, una delle macchine più amate da Luciano Nicolis, è uno dei gioielli più importanti della collezione di vetture storiche che comprende oggi circa 200 auto di varie epoche.

NO COMMENTS

Leave a Reply