Roma – Jaguar celebrerà il suo settantacinquesimo anniversario anche prendendo parte alla quarta edizione di Fuoriserie manifestazione di auto e moto d’epoca che si terrà il 17 e 18 Aprile 2010 alla Fiera di Roma.  L’avventura del “giaguaro” affonda le sue origini in un progetto di William Lyons e William Walsley che fondarono nel 1922 la Swallow Sidecar Company. Marchio rimasto in vita fino al lancio nel 1935 della leggendaria SS100, la prima vettura Jaguar della storia. Successivamente la maison inglese, con il suo storico nome ha dato vita ad alcuni indimenticabili modelli come la favolosa roadster XK120, lanciata alla fine degli anni ’40, che si affermò come la più affascinante auto sportiva del periodo. Un gioiello che stregò alcune star di Hollywood da Humprey Bogart ad Elizabeth Taylor, passando per Robert Montgomery, Dick Powell e Clark Gable, che ne possedeva addirittura tre. Un fascino a cui non si sottrassero neanche grandi piloti dell’epoca quali Tazio Nuvolari e Juan Fangio.  Le vetture da corsa C Type e D Type dominarono invece le gare automobilistiche negli anni ’50, dalle 1000 miglia alla Targa Florio, Silverstone, 12 ore di Reims, Liegi – Roma – Liegi ed il dominio assoluto a Le Mans con cinque trionfi. A celebrare la retrospettiva in Fiera la Scuderia Jaguar Storiche Roma fondata nel 2007 che conta ad oggiAggiungi un appuntamento per oggi centoundici soci e presenta durante la kermesse il Registro Storico Jaguar – SS – Daimler. Tra gli oltre trenta modelli che potranno essere ammirati dagli appassionati la JAGUAR MK VII del 1952 protagonista del film “MILK” con Sean Penn, la SS TWO Tourer del 1934, di cui sono stati realizzati solo 150 esemplari e la XK 150 che si presume appartenuta a Grace Kelly.  Una vettura dalla storia movimentata, di cui sono state prodotte solo 92 esemplari in versione con guida a destra. Uscita dalle celebri officine di Coventry nel 1960 ebbe come primo proprietario Yves Aysage, attore cinematografico in auge tra gli anni ’50 e ’60.  Successivamente fu venduta nel Principato di Monaco dove voci non ufficiali confermano sia appartenuta anche alla Principessa Grace, e successivamente negli anni ’70 acquistata da un nobile romano. Un’auto dal fascino senza tempo che ha trionfato in vari concorsi di eleganza aggiudicandosi il primo premio a MonteCarlo nel 2007 ed il Trofeo (ore 18:00)