Centoventicinque anni di design di Mercedes

Centoventicinque anni di design di Mercedes

Stoccarda –  Concept automobilistici avveniristici ed eccellenza del design hanno una lunghissima tradizione in Mercedes-Benz. La testimonianza più emblematica dello spirito pionieristico e della voglia di innovare viene dalla Benz Patent-Motorwagen del 1886, la prima automobile brevettata  al mondo. L’avvento di questa vettura a tre ruote è un segnale chiaro e immediato del sorgere di una nuova era della mobilità. Frutto della mente di Carl Benz che la concepì, la forma della prima automobile brevettata è un capolavoro di ingegneria. A quell’epoca non esisteva ancora il concetto di design come disciplina a sé stante. Per diversi anni ancora lo sviluppo automobilistico continuerà ad attingere dallo stile delle carrozze.

1886
Carl Benz presenta la sua automobile per motore a gas  brevettata, si tratta della prima automobile al mondo. La forma di questo veicolo a tre ruote trae ispirazione a quella di una bicicletta ed è l’espressione più autentica dell’arte ingegneristica.
1901
La Mercedes 35 PS stabilisce una forma a sé stante ed è considerata la capostipite della moderna automobile. Il radiatore a nido d’ape organicamente integrato nella forma diventa l’elemento distintivo del Marchio.
1906
La Daimler-Motoren-Gesellschaft di Untertürkheim fonda un proprio reparto di costruzione carrozzerie.
1909
La gloriosa Blitzen-Benz, vettura da corsa progettata per battere ogni record su circuito è la prima vettura il cui design è il risultato di riflessioni sull’aerodinamica.
1910
Il design automobilistico compie un passo decisivo verso il progresso: una bombatura sotto il parabrezza, meglio nota con il nome di Torpedo, unisce il telaio al vano motore ed alla carrozzeria vera e propria all’abitacolo, rendendoli un’unità formale. Grazie alle nuove fiancate liscie ed alla linea di cintura continua, l’automobile acquista una forma armonica.
1911
Parallelamente al radiatore piatto a nido d’ape, Daimler-Motoren-Gesellschaft sviluppa una seconda forma caratteristica di radiatore: il radiatore a punte, impiegato soprattutto sui modelli sportivi e performanti della gamma.
1920
La DMG-Werk di Sindelfingen inizia la produzione delle carrozzerie Mercedes.
1932
Hermann Ahrens rileva la direzione del settore costruzioni vetture speciali dello stabilimento Mercedes-Benz di Sindelfingen
1934
Con le linee eleganti e fluide della sua carrozzeria disegnata da Hermann Ahrens, la 500 K e la 540 K, quest’ultima introdotta nel 1936, raggiungono gli apici del design Mercedes-Benz, specialmente nella versione Spezial-Roadster considerata l’auto da sogno del 1930. Con la versione Coupé inizia la moderna tradizione di Coupé Mercedes-Benz.
1953
Il modello 180 con carrozzeria autoportante Ponton proietta il classico design Mercedes-Benz nell’era moderna. I parafanghi e i fari sono completamente integrati nel corpo vettura che include anche il vano motore e il vano bagagli in coda. Ne deriva un vano passeggeri vetrato estremamente generoso per gli standard dell’epoca.
1954
Il 1954 è l’anno di nascita della leggendaria 300 SL con porte ad ali di gabbiano. Il modello si segnala anche per nuove e inedite proporzioni e per la nuova forma piatta della mascherina del radiatore Mercedes-Benz che diventa il tratto saliente del design frontale della sportiva SL. La supersportiva è il non plus ultra del design automobilistico della sua epoca.
1957
I fari verticali introdotti sulla 300 SL Roadster con indicatori di direzione integrati diventano uno strumento stilistico rappresentativo e caratterizzano il design frontale delle autovetture Mercedes-Benz fino agli inizi degli anni ’70.
1959
Le berline a sei cilindri Mercedes-Benz 220, 220 S e 220 SE si presentano con codine appena stilizzate. La Mercedes con le codine è anche la prima autovettura al mondo con cellula dell’abitacolo a struttura rigida e zone di assorbimento dell’energia. Con questi elementi essa schiude un nuovo capitolo nella tecnica della sicurezza.
1961
La versione a due porte del Coupé della 220 SE si segnala per elementi di design a sé stanti e per l’assenza delle codine della berlina. Le linee nitide di questo bello e intramontabile Coupé segneranno il design Mercedes-Benz degli anni ’60.
1963
La 230 SL sfoggia nuove e inedite proporzioni e linee, ma anche l’inconfondibile tetto a pagoda con tetto rigido asportabile, la cui particolare forma, oltre che bella, aumenta anche la rigidità e quindi la sicurezza.
Con le sue linee chiare e geometriche, la Mercedes-Benz 600 dà nuovo impulso alla classe delle vetture di rappresentanza esclusive ed eleganti.
1971
Con la nuova sportiva 350 SL e la Classe S presentata nel 1972, Mercedes-Benz rende tangibile e visibile il concetto di sicurezza integrale. Questi due modelli definiranno il look delle autovetture Mercedes-Benz. Importanti elementi di design sono i generosi proiettori orientati orizzontalmente, gli indicatori di direzione frontali e laterali nettamente visibili, i gruppi ottici posteriori alettati e le maniglie porte a staffa.
1975
Bruno Sacco succede a Friedrich Geiger nel ruolo di responsabile reparto centrale Stile e diventa quindi il nuovo capo design di Mercedes-Benz.
1979
Il design della nuova Classe S unice elementi tradizionali a nuove forme sviluppate nell’ambito del miglioramento aerodinamico: gli elementi che segnano maggiormente lo stile sono la linea di cintura ascendente, i paraurti integrati e la coda rastremata.
1982
Con 190 e 190 E, Mercedes-Benz presenta la Classe compatta. Il design della nuova Serie, che trova la sua ragion d’essere negli antenati dell’attuale Classe C, prosegue coerentemente il corso stilistico inaugurato dalla Classe S. La coda sensibilmente in risalto dalla linea di cintura ribassata della carrozzeria sarà inizialmente oggetto di controversie nell’opinione pubblica, ma si rivelerà in seguito un dettaglio intramontabile che definirà lo stile della Casa.
1984
La coda della nuova gamma di modelli di classe media W 124 presenta una parte terminale del cofano bagagli di forma quasi trapezoidale. Nonostante la presenza di uno spoilerino aerodinamico alto, questa forma consente di ottenere un soglia di carico più bassa. Anche i gruppi ottici posteriori seguono lo stesso tema geometrico che diverrà elemento stilistico in altre Serie.
1991
Con la nuova Classe S, Mercedes-Benz presenta anche una nuova interpretazione della mascherina del radiatore che ha segnato il design del Marchio. La mascherina del radiatore è integrata nel cofano motore.
1993
Nell’ambito della prima grande offensiva di prodotto al Salone Internazionale dell’Automobile di Ginevra, lo studio sul Coupé Mercedes-Benz suscita vivo interesse in quanto presenta in anteprima un’interpretazione completamente nuova del frontale Mercedes con quattro proiettori ellittici. Mercedes-Benz presenta la Classe C, il successore della classe compatta, inizialmente in quattro differenti versioni di design e di equipaggimento nelle quali è specialmente il design degli interni a dar voce al carattere autonomo  della versione scelta.
1995
La nuova Classe E è il primo modello di serie con il rivoluzionario frontale a quattro fari. L’innovativo design frontale verrà adottato anche in altre Serie. Il programma designo offre ai clienti Mercedes-Benz con un gusto particolarmente sofisticato numerose possibilità di abbinamento con straordinarie vernici, pelle ultra morbida in esclusivi colori e inserti con superfici in pregiato legno, Pianoforte, marmo e rivestimenti in pelle.
1996/1997
Nell’ambito dell’offensiva di prodotto Mercedes-Benz vedono la luce tante nuove versioni come la SLK, la CLK, la Classe A e la Classe M. Anche per i modelli completamente nuovi, il design Mercedes-Benz elabora soluzioni innovative e stilisticamente all’avanguardia.
1998
Con la sua silhouette slanciata stile Coupé, la nuova Classe S simboleggia la nuova e moderna immagine del Marchio. A fissare nuovi parametri di riferimento è anche il design degli interni, perfettamente armonizzato alle linee eleganti e sportive che trasmette personalità, leggerezza e atmosfere eleganti. La caratteristica che più ne imprime lo stile sono gli indicatori di direzione laterali che, per la prima volta, sono stati spostati nell’alloggiamento dei retrovisori esterni.
1999
Peter Pfeiffer succede a Bruno Sacco e diventa direttore del design.
2003
Al Salone Internazionale dell’automobile di Francoforte, la Vision CLS ha una risonanza mondiale. Il concept di un Coupé a quattro porte dall’elevato comfort per quattro persone suscita all’istante reazioni di grande entusiasmo. A dare espressione al potenziale di fascino di questa vettura innovativa sono il premio per il design Autonis e il titolo Più bel concept del 2003.
2004
Nell’ambito della seconda grande offensiva di prodotto Mercedes, la CLS passa  alla produzione in serie quasi senza nessun cambiamento. Con il suo carattere autonomo, la tipica eleganza di un Coupé abbinata ad una spiccata funzionalità, conquista nuove fasce di acquirenti. Caratteristiche di design personali come la linea caratteristica delle fiancate, proiettori di nuova configurazione o la coda che si assottiglia dettano un nuovo stile. Questo trasferimento coerente delle linee esterne nell’abitacolo rende la CLS un modello esemplare in termini di armonia. Con la seconda fase dell’offensiva di prodotto, Mercedes-Benz introduce un nuovo linguaggio di design di più ampio respiro. Tutte le gamme presentano evidenti affinità mantenendo una propria e caratteristica forma.
2005
Con linee che rasentano la purezza, la Classe S inaugura nuove tendenze stilistiche. Con linee chiare, ben definite e superfici composte essa incarna magistralmente un nuovo corso stilistico.
2007
Come prima berlina Mercedes-Benz, la Classe C fa la sua apparizione con due volti ben definiti: la versione Elegance si distingue per la classica griglia con la Stella Mercedes come figura del radiatore, mentre la versione Avantgarde presenta una griglia con Stella centrale, una moderna interpretazione della presa d’aria introdotta nel 1954 sulla 300 SL.
2008
Gorden Wagener alla guida del reparto design Mercedes-Benz.  Con la GLK, Mercedes-Benz porta una ventata di freschezza nel panorama dei SUV compatti di categoria superiore. Le linee base squadrate sono un omaggio alla Classe G, il fuoristrada classico del Marchio.
2009
La Classe E mostra una nuova forma avveniristica e pluripremiata che con la linea arcuata dei parafanghi posteriori reinterpreta in chiave moderna uno stilema della Mercedes Ponton anni ’50. Grazie al cofano motore lungo, al vano passeggeri piatto ed arretrato e alla coda brevilinea con spoilerino estraibile, l’incisivo design della nuova supersportiva SLS AMG Mercedes-Benz tramsette una sensazione di fascino e di spontaneità. Anche le porte ad ali di gabbiano evocano la leggendaria supersportiva 300 SL, come anche l’ampia mascherina del radiatore con Stella al centro, le feritoie laterali suddivise ad alette e le prese d’aria su cofano motore e fiancate.
2010
Il concept sperimentale F 800 Style con il quale i designer Mercedes-Benz hanno reinterpretato e sviluppato il linguaggio formale tipico del Marchio schiude una finestra sulle berline di classe superiore del domani. Il passo lungo, gli sbalzi della carrozzeria corti e la linea del tetto elegante e filante le conferiscono un piglio elegante e sportivo. Negli interni, grazie a superfici in pregiato legno e ad una straordinaria luminosità, la F 800 Style regala un’impressione di moderna leggerezza. (ore 13:00)

NO COMMENTS

Leave a Reply