Gli americani cominciarono nella primavera del 1940 (il 27 maggio l’esercito tedesco invase il Belgio) a pensare ad un veicolo razionale, semplice, affidabile, maneggevole, in grado soprattutto di adattarsi facilmente a tutte le condizioni d’impiego su qualsiasi terreno. Sapevano che prima o dopo sarebbero dovuti scendere in campo contro Hitler e quando i giapponesi attaccarono proditoriamente a Pearl Harbur il 7 dicembre 1941 avevano già pronto questo veicolo. Venne chiamato Jeep, trascrizione fonetica di G.P., ovvero general purpose (usi generali, per tutti gli usi). Secondo le previsioni progettuali il veicolo doveva pesare meno di 600 chili, avere la trazione integrale, meccanica semplice per interventi di manutenzione facili, velocità di almeno 80 km/h, portare 1uattro persone e magari armi di un certo peso. Lo sviluppo doveva avvenire in 49 giorni! Alla “sfida” rispondono la American Bantam Co. e la Willys Overland Inc.. Il “miracolo” si compie in cinque giorni, dal 17 al 22 luglio 1940 firmato dall’ingegnere Karl K. Probst, coinvolto dalla Bantam, il quale lavorando giorno e notte crea realizza il progetto. Il veicolo avrebbe montato un motore 4 cilindri Continental a valvole laterali 2.194 cc 60 cv a 4.000 giri, cambio a 3 rapporti con ridotte e ponti della Spicer. Il 23 settembre il prototipo è pronto. Alla sua esibizione la Commissione di esperti militari invita anche la Wllys e coinvolge una grande azienda,la Ford. A questo punto le autorità militari decidono di mettere in concorrenza Bantam, Willys e Ford e ciascuna di esse presente un proprio veicolo. Quelli di Willys, M.A., e Ford, GP, sono pacchianamente copiati dal prototipo della Bantam, 40 BRC. La Willys, forse perché la sua macchina era dotata d’un motore più potente, si aggiudica la gara e alla Bantam viene affidato solo l’incarico di produrre i rimorchi della Willys. La Jeep entra nella storia della Seconda Guerra Mondiale e diventa un mito. Dopo la guerra la Willys continua a produrre la Jeep con il nome CJ prima di essere assorbita dalla Kaiser e il nome diventa Kaiser Jeep. Nel 1970 la marca è acquisita dall’American Motors e il marchio diventa Jeep. Nel 1987 American Motors e Jeep vengono assorbite dalla Chrysler ed oggi fanno parte del Gruppo DaimlerChrysler. L’auto che ha ereditato lo spirito della mitica Willys può essere considerata la Wrangler.