Bologna – Crisi economica e maltempo non hanno certo favorito la circolazione automobilistica nell’estate che, calendario alla mano, si è appena conclusa. Secondo un’elaborazione del Centro Studi Promotor su dati del ministero dello Sviluppo Economico, i consumi di benzina hanno subito un calo del 4,7% a giugno, del 6,3% a luglio e del 5,7% ad agosto. Questo andamento ha fatto sì che il bilancio dei consumi dei primi otto mesi dell’anno chiuda con un calo del 3,4% E’ una flessione molto pesante, soprattutto se si considera che dall’inzio della crisi (2007) al 2013 i consumi di benzina sono calati del 32,9%.
Meno grave, ma comunque seria, è anche la situazione dei consumi di gasolio auto che, come è noto, è un carburante utilizzato sia per una parte importante del parco circolante di autovetture che per il trasporto pesante di merci e per il trasporto pubblico di persone su gomma. Sempre considerando l’estate, a giugno i consumi di gasolio sono calati del 2,3%, a luglio c’è stato un recupero dell’1,5% e ad agosto un altro calo del 4,6%. Nei primi otto mesi la contrazione è stata dello 0,5%, mentre il calo del 2013 sul 2007 è stato del 14,6%. Complessivamente sui livelli ante-crisi (2007) il calo dei due carburanti nel 2013 è stato del 20,8%.
A fronte di questa contrazione decisamente allarmante e pari a quasi due volte e mezzo il calo del Pil nello stesso periodo, la spesa (cioé l’introito dei distributori) è aumentata del 10,1%, il gettito fiscale dell’11,3% e la componente industriale (cioè la parte della spesa che va all’industria e alla distribuzione) dell’8,6%.
L’andamento divergente dei consumi da un lato, e di spesa, gettito e componente industriale dall’altro, è dovuto alla dinamica dei prezzi e soprattutto a quella della tassazione. C’è da dire, tuttavia, che proprio nel 2013 si è inceppato il meccanismo perverso che consentiva a spesa, gettito e componente industriale di continuare “felicemente” a crescere nonostante il calo dei consumi. Nel 2013, infatti, a fronte di una contrazione dei consumi del 3,3%, ci sono stati cali del 5,9% per la spesa, del 2,7% per le imposte e del 9,6% per la componente industriale. E la pacchia è finita anche nel 2014. Nei primi otto mesi dell’anno a un calo dei consumi dell’1,4% hanno corrisposto cali del 2,8% della spesa, dello 0,5% delle imposte e del 5,8% della componente industriale.
<<I datisecondo Gian Primo Quagliano presidente del Centro Studi Promotordimostrano che è stato superato il limite oltre il quale l’aumento dei prezzi deprime i consumi e poiché i prezzi di benzina e gasolio in Italia sono elevatissimi per colpa di prelievi fiscali record, è venuto il momento di ridurre la tassazione sui carburanti auto proprio a beneficio del bilancio dello Stato>>.

SHARE
Melina Famà
23 anni, siciliana doc e amante di scarpe, borse e buon cibo. Laureata in Linguaggi dei Media all'Università Cattolica di Milano, si avvicina al mondo dei motori grazie al fidanzato, che la istruisce quasi come un maschiaccio. Gattara nell'animo, è admin di @igers_messina.