Richiami

I problemi riscontrati: possibile non effettuato collaudo bombole e una possibile non segnalazione del malfunzionamento dell’impianto di illuminazione. Più di 15.000 i veicoli coinvolti.

È stato appena pubblicato sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti un richiamo relativo a diversi modelli Volkswagen. Nello specifico si tratta di Caddy – prodotto tra il 2004 e il 2013 –, Golf 7, Golf 7 Variant, Passat, Sportsvan, Tiguan e Touran – prodotte tra il 2016 e il 2017, Passat e Touran prodotte tra il 2008 e il 2014.

I problemi riscontrati sono il possibile non effettuato collaudo bombole e un possibile non segnalato eventuale malfunzionamento impianto illuminazione. Più di 15.000 i veicoli coinvolti nel richiamo.

RICHIAMO VW CADDY

Periodo: 2004/2013
Numero veicoli: 311
Difetto: Possibile non effettuato collaudo bombole
Azioni correttive: Collaudo
Riferimento: 800400300
Note: COD 20Y8 Telai consultare concessionari

RICHIAMO VW PASSAT E TOURAN

Periodo: 2008/2014
Numero veicoli: 5.063
Difetto: Possibile non effettuato collaudo bombole
Azioni correttive: Collaudo
Riferimento: 800865579
Note: COD 20Y8 Telai consultare concessionari

RICHIAMO VOLKSWAGEN

Modelli: Golf 7, Golf 7 Variant, Passat, Sportsvan, Tiguan, Touran
Periodo: 2016/2017
Numero veicoli: 10.336
Difetto: Possibile non segnalato eventuale malfunzionamento impianto illuminazione
Azioni correttive: Riprogrammazione centralina
Riferimento: 800865579
Note: COD 97CH Telai consultare concessionari

Richiamate quasi 5.000 unità per un difetto che interessa i modelli prodotti nel periodo 2013-2017. Per evitare il possibile problema, l’azione di intervento comporterà l’applicazione di un adesivo.

Come pubblicato sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, è stato attivo un richiamo relativo alla Opel Adam, prodotta tra gli anni 2013 e 2017, che potrebbe avere un distacco improvviso del tettuccio in vetro. Un richiamo che arriva forse un po’ tardivo, come testimonia questa lamentela di un cliente Opel su altroconsumo.

RICHIAMO OPEL

Modello: Adam
Periodo: anni 2013/2017
Numero veicoli: 4.998
Difetto: Possibile distacco tetto in vetro
Azioni correttive: Applicazione adesivo
Riferimento: Concessionari
Note: COD 17C016 Telai consultare concessionari

Il ministero dei Trasporti tedesco pronto a indagare su possibili manipolazioni del software motore da parte di Daimler. Il Gruppo gioca d’anticipo e fa partire un maxi richiamo.

Daimler gioca d’anticipo e richiama oltre 3 milioni di Mercedes con motore diesel. Finita nel mirino del governo tedesco, Daimler corre dunque ai ripari con un upgrade gratuito del software motore per i suoi clienti. La notizia arriva dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi e a seguito dell’annuncio del ministero dei Trasporti tedesco di indagare su possibili manipolazioni del software da parte di Daimler.

Il Gruppo automobilistico aveva reagito in primo momento dichiarando “adotteremo tutti i mezzi legali per difenderci”, per poi rivedere la propria posizione e dopo la convocazione da parte del Ministero e dell’Autorità spiegare di avere in essere discussioni con Berlino volte a una risoluzione positiva della problematica.

Gli uffici Daimler erano già stati perquisiti a maggio e visto che “il dibattito pubblico attorno ai motori diesel sta creando incertezza”, le recenti parole del Ceo Dieter Zetsche, si è deciso di “avviare ulteriori misure per rassicurare i proprietari di veicoli diesel e rafforzare la fiducia nella tecnologia in questione”.

Daimler investirà adesso circa 220 milioni di euro per il maxi richiamo di 3 milioni di Mercedes da sottoporre a un upgrade del software motore, ma secondo gli analisti il costo salirà quasi certamente. Dall’esplosione dello scandalo dieselgate di Volkswagen, sono diversi i Gruppi automobilistici finite sotto inchiesta o di cui si presume il taroccamento dei motori. Guardando solo agli ultimi mesi: a giugno il ministero tedesco ha annunciato il ritiro di 24.000 Audi e a maggio gli Usa hanno aperto un’indagine su Fca. Senza contare le indiscrezioni su Renault.

La notizia è recente, ma integra un richiamo che aveva riguardato inizialmente solo i modelli Audi. La funzione interessata è il controllo della stabilità, implementato grazie alla frenata selettiva delle singole ruote.

Le auto sono sempre più “governate” dall’elettronica. Basti pensare ai sistemi Adas, che se percepiscono un pericolo provvedono a far frenare/sterzare automaticamente la vettura. È per questo che, sempre più spesso, un richiamo non prevede la sostituzione di componenti fisici ma un “semplice” aggiornamento software.

È il caso del recente richiamo tedesco di Volkswagen, messo in atto per aggiustare un occasionale malfunzionamento dei freni di 385.000 auto del Gruppo. La notizia è recente, ma integra un richiamo che aveva riguardato inizialmente solo i modelli Audi comprendendo anche modelli Skoda e VW: la funzione sotto la lente d’ingrandimento è il controllo della stabilità, implementato grazie alla frenata selettiva delle singole ruote.

Prevista la sostituzione dell’assale, che potrebbe distaccarsi. Il richiamo interessa un totale di 340 unità.

Come pubblicato sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, è stato attivato un richiamo per la Ford Fiesta, prodotta a luglio 2016, a causa di un problema all’assale posteriore.

RICHIAMO FORD

Modello: Fiesta
Periodo: luglio 2016
Numero veicoli: 340
Difetto: Possibile distacco assale posteriore
Azioni correttive: Sostituzione assale
Riferimento: 0691806900
Note: COD 16S33

Richiamati vari modelli, oltre 175 mila, che potrebbero presentare problemi di taratura della centralina motore e della saldatura dello schienale.

Come pubblicato sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, è stato attivato un richiamo relativo alle Audi A1, A3, A4, A5, A5 Cabrio, A6, Q3, Q5 e TT con motori diesel EA189, prodotte tra il 2008 e il 2016, e A4 (qui la nostra prova su strada) il cui periodo di produzione però non è stato indicato.

RICHIAMO AUDI

Modelli: A1, A3, A4, A5, A5 Cabrio, A6, Q3, Q5, TT diesel EA189
Periodo: 2008 – 2016
Numero veicoli: 175.387
Difetto: Possibile non corretta taratura centralina motore
Azioni correttive: Aggiornamento centralina
Riferimento: 80028345463
Note: COD 23Q7 Telai consultare costruttori

Modello: A4
Periodo: Non indicato
Numero veicoli: 202
Difetto: Possibile non corretta saldatura regolazione schienale e conseguenti lesioni in caso di tamponamento
Azioni correttive: Sostituzione telai schienali
Riferimento: 80028345463
Note: COD 72G1 Telai consultare concessionari

L’airbag del passeggero potrebbe non funzionare. Lo sterzo presenta un problema alla cremagliera. Previste la sostituzione dell’airbag e della scatola sterzo.

Come pubblicato sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, è stato attivato un richiamo relativo alle Opel Astra e Meriva – prodotte negli anni 2016 e 2017 – a causa di un problema all’airbag e alle Opel Corsa prodotte tra il 2014 e il 2015 a causa di un problema allo sterzo.

RICHIAMO OPEL

Modelli: Astra K/ Meriva B
Periodo: anni 2016 – 2017
Numero veicoli: 245
Difetto: Possibile malfunzionamento airbag passeggero
Azioni correttive: Sostituzione
Riferimento: Concessionari
Note: COD 16C092 Telai consultare concessionari

Modelli: Corsa D/Corsa E
Periodo: anni 2014 – 2015
Numero veicoli: 1.312
Difetto: Possibile guasto allo sterzo causa incrinatura cremagliera
Azioni correttive: Sostituzione scatola sterzo
Riferimento: Concessionari
Note: COD 16C091 Telai consultare concessionari

La centralina potrebbe presentare problemi di non conformità. Prevista la sostituzione per i 22 veicoli richiamati.

Come pubblicato sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, è stato attivato un richiamo relativo alla Alfa Romeo Giulietta, prodotta tra aprile 2016 e maggio 2016, a causa di un problema all’ABS. Per fortuna, il problema interessa solo 22 unità.

RICHIAMO ALFA ROMEO

Modelli: Giulietta
Periodo: aprile 2016 – maggio 2016
Numero veicoli: 22
Difetto: Mancata conformità centralina ABS
Azioni correttive: Sostituzione
Riferimento: Concessionari
Note: COD 6065

V70, S80, V60, S60, V40CC e V40 potrebbero presentare una possibile perdita olio motore. I modelli XC90, S90 e V90 potrebbero avere invece problemi all’aria condizionata.

Come pubblicato sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, è stato attivato un richiamo relativo alle Volvo V70, S80, V60, S60, V40CC e V40 (prodotte tra il 2011 e il 2015), e XC90, S90 e V90 prodotte durante il 2016, a causa di un problema all’aria condizionata e di una possibile perdita olio motore.

RICHIAMO VOLVO

Modelli: V70/S80/V60/S60/V40CC/V40
Periodo: anni 2011 – 2015
Numero veicoli: 497
Difetto: Possibile trafilamento liquido refrigerante olio motore
Azioni correttive: Sostituzione guarnizione e modifica valvola bypass
Riferimento: Concessionari
Note: COD 2016/31 Telai consultare concessionari

Modelli: XC90/S90/V90
Periodo: anno 2016
Numero veicoli: 2.490
Difetto: Possibile scorretto montaggio tubo condensa aria condizionata
Azioni correttive: Sostituzione
Riferimento: Concessionari
Note: COD 2016/25 Telai consultare concessionari

Prevista la sostituzione dell’airbag e il fissaggio di una clip in modo tale da evitare lo sgancio del cavo del freno di stazionamento.

Come pubblicato sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, è stato attivato un richiamo relativo alle Toyota Corolla prodotte tra settembre 2002 e gennaio 2003 e alle Toyota Prius prodotte tra agosto 2015 e ottobre 2016 a causa di due diversi problemi.

RICHIAMO COROLLA

Periodo: settembre 2002 – gennaio 2003
Numero veicoli: 833
Difetto: Possibile rottura involucro gonfiaggio airbag lato guida
Azioni correttive: Sostituzione
Riferimento: Concessionari
Note: COD 160SD-080 Telai consultare concessionari

RICHIAMO PRIUS

Periodo: agosto 2015 – ottobre 2016
Numero veicoli: 522
Difetto: Possibile malfunzionamento freno stazionamento per sgancio cavo
Azioni correttive: Applicazione clip
Riferimento: Concessionari
Note: COD 160SD079

FOLLOW US

FOCUS ON

La nuova Subaru Impreza debutterà ufficialmente in Europa il prossimo 12 settembre al 67° Salone di Francoforte. Dal primo modello lanciato nel 1992 a...
Website Security Test