Un uomo legato nel portabagagli per mostrare la grande capacità di carico della Skoda Karoq. È la trovata del giornalista del magazine francese Auto Moto per presentare il nuovo Suv della Casa ceca. Nel video – girato a Corleone con tanto di soundtrack de “Il Padrino” – il giornalista, se così si può definire, mostra nel bagagliaio della Karoq un uomo incaprettato, facendo seguire il commento “in Sicilia si fa così”. I soliti luoghi comuni.

“Un danno d’immagine per l’incolpevole Skoda e per l’Italia – il commento di Cesare Casiraghi, pubblicitario che spesso ha lavorato con brand automotive, rilasciato all’Ansa -. Lasciando perdere la ‘scioccheria’ del giornalista, trovo molto grave che una testata giornalistica possa arrivare a pubblicare, e con ciò intendo passare indenne tutto quel processo che dal giornalista passa attraverso i responsabili redazione sino all’ok alla pubblicazione, immagini e commenti di questo tipo, perché il danno d’immagine creato alla Casa è significativo”.

Come dargli torto? “Siamo nell’epoca dei social e del web – ha aggiunto Casiraghi – e la notizia si è subito propagata. E purtroppo, il tam-tam ha generato la convinzione, basta leggere i titoli di altre testate italiane, che si tratti di ‘pubblicità’ di Skoda che, com’è evidente, è del tutto estranea a ciò”.

I social non hanno tardato a far sentire la propria voce ovviamente contro la testata francese ma, osserva il pubblicitario, c’è chi se la prende contro l’incolpevole Skoda. “Tutto questo accade nel silenzio generale delle istituzioni regionali e nazionali – conclude Casiraghi – che dovrebbero invece, penso al Ministro del Turismo, perlomeno farsi sentire con una nota formale di protesta. Ripeto: il danno è grave per Skoda ma anche per l’Italia, laddove la scherzosità gratuita su uno stereotipo puzza tanto di anacronistico e intollerabile razzismo”.

La reazione di Skoda è arrivata con una nota ufficiale attraverso la quale la Casa prende le distanze dal servizio giornalistico: “Skoda Auto declina ogni responsabilità per la produzione, i contenuti e la diffusione di materiale video realizzato da soggetti terzi in Sicilia. Skoda si dissocia espressamente da tutti i contenuti che possano costituire violazione della normativa civile e penale o oltrepassare i limiti della morale comune. È dispiaciuta per quanto successo a propria insaputa e riafferma di non essere mai stata né preventivamente informata né tantomeno coinvolta”. Come conseguenza, su richiesta delle divisioni francese e italiana di Skoda Auto, il video è stato rimosso da Youtube.