Lungo quasi 2,4 metri e largo 1,5 metri è un agile “tuttofare” per la città. La configurazione è di tipo monoposto a guida centrale e considerate le dimensioni contenute è poco più ingombrante di uno scooter di media cilindrata. In Italia è distribuito da Dps.

Coms_EV_act_07

Lungo quasi 2,4 metri e largo 1,5 metri, ecco un agile “tuttofare” 100% elettrico per la città. Si chiama Coms EV, è prodotto in Giappone da Toyota Auto Body (divisione produttiva specializzata del gruppo Toyota) ed è distribuito in Italia da Dps.

La configurazione è di tipo monoposto a guida centrale e considerate le dimensioni contenute è poco più ingombrante di uno scooter di media cilindrata. Solo che le ruote a disposizione invece di essere due sono quattro.

La carrozzeria è di tipo monoscocca, realizzata in materiali compositi, leggera e al tempo stesso resistente, come confermato dai crash test effettuati in Giappone.

Le caratteristiche sono quelle di una minicar, con un peso però di soli 400 kg: posizione di guida ben strutturata ergonomicamente, comandi a portata di mano e una completa strumentazione digitale con tutte le informazioni utili sulle prestazioni e le funzioni della vettura (autonomia e carica della batteria incluse).

La motricità, con trazione posteriore e differenziale, è assicurata da un motore elettrico da 5 kW di potenza e coppia di 250 Nm. Il pacco batterie alloggiato nel pianale a tutto vantaggio dell’abbassamento del baricentro è costituito da elementi al piombo Panasonic di ultima generazione. La carica si può effettuare da una qualsiasi presa di corrente a 220 volt di tipo casalingo e per una ricarica completa servono 6 ore, con un’autonomia media variabile tra 60 e 90 km.

L’impianto frenante a comando idraulico, di tipo automobilistico, prevede freni anteriori a disco e tamburi posteriori, mentre le sospensioni sono a ruote indipendenti all’avantreno (tipo McPherson) e semi dipendenti a ponte torcente (con molle) al retrotreno. Lo sterzo consente un raggio di volta di soli 3,2 metri.

Coms EV è disponibile in versione minicar, che nella parte posteriore prevede un mini bagagliaio chiudibile, in versione pick-up, con piano di carico con spondina posteriore abbassabile, e in versione Cargo Box, con ampio contenitore posteriore a tutta altezza.

Le ultime due versioni sono quelle che più si prestano per i servizi di consegna in ambito urbano. Tutte, invece, prevedono porte laterali in tessuto impermeabile apribili e asportabili.

NO COMMENTS

Leave a Reply