Milano – Uno degli accessori più gettonato dagli automobilisti che guidano di giorno, e non solo nella stagione estiva, gli occhiali da sole hanno conquistato,  negli ultimi anni, una fetta di mercato sempre più vasta. Non  c’è griffe della moda che non ne produca, e li faccia sponsorizzare da volti d’eccezione: veline, calciatori, cantanti…
Occhiali enormi, superleggeri, con strass, con lenti chiare per il pomeriggio… Aumentando la richiesta sono, purtroppo, lievitati anche i prezzi, con la naturale conseguenza che i consumatori, specie i più giovani, si rivolgessero al mercato della contraffazione. Modelli apparentemente uguali agli originali vengono venduti sulle bancarelle a prezzi decisamente contenuti, offrendo quindi la possibilità di comparne più paia o almeno di cambiare modello ogni stagione.
Ma se è pur vero che una maglietta o una borsa contraffatte non creano alcun danno (se non al commercio e alla legalità,e non è poco), dovremmo tenere presente che questi occhiali avrebbero il preciso scopo di proteggere i nostri occhi dai danni del sole e, durante la primvera, dei pollini.
A causa dei “tarocchi”, che spesso arrivano dai Paesi asiatici, si rischiano irritazioni, bruciori e dermatiti, provocate dai modelli in metallo, mentre invece le leghe usate per le montature di quelli che si trovano nei negozi di ottica sono prive di metalli a rischio.
Le conseguenze di un utilizzo di occhiali taroccati possono essere veramente gravi: la colorazione della plastica potrebbe comportare irritazioni, le lenti causare bruciori e arrossamenti e non filtrare i raggi, addirittura si rischia di incappare in una spiacevole dermatite con infiammazione e prurito..
Una lente sbagliata non assorbe gli UV e, lasciando dilatare la pupilla, favorisce l’invecchiamento del cristallino e la cataratta.
Un po’ di buonsenso, dunque; il prossimo anno quel modello che oggi ci sembra indispensabile possedere sarà fuori moda, ma i nostri occhi no…quelli ce li dovremo tenere tutta la vita. (ore 16:00)

NO COMMENTS

Leave a Reply