Milano – La settimana che va dal 22 al 28 settembre sarà la settimana di BimbiSicuramente, iniziativa di sensibilizzazione ed informazione sul tema della sicurezza dei bambini in auto. A promuoverla Fiat e Ucif (Unione dei concessionari italiani Fiat). Obiettivo dell’iniziativa è informare i guidatori su come proteggere i bimbi in auto, attraverso la rete di concessionarie Fiat (oltre 600 sparse su tutto il territorio).
L’iniziativa, sviluppata da Quintegìa, ha quindi lo scopo di istruire ed educare guidatori spesso sbadati che, al momento di mettersi alla guida, dimenticano o considerano poco importante il fatto che i propri figli necessitano di sistemi di sicurezza aggiuntivi in auto, vale a dire il seggiolino. Per questo motivo, alle famiglie che si recheranno nelle concessionarie Fiat durante la settimana di BimbiSicuramente per ricevere informazioni, verranno distribuiti buoni sconto del 15%  sull’acquisto di un qualsiasi seggiolino Chicco (partner dell’iniziativa). Per coloro che decideranno di acquistare una Panda Mamy invece, il buono sarà del 50%.
L’iniziativa però non si risolve in una semplice elargizione di sconti (comunque sempre molto appetibili): l’intento è quello di formare una cultura del “bimbo sicuro in auto” che possa essere duratura. Nelle concessionarie Fiat verranno mostrati dei seggiolini a norma, verrà mostrato come montarli e smontarli, aspetto sicuramente spiacevole per qualunque mamma, e verrà consigliato il seggiolino giusto per ogni bambino. A seconda del peso e dell’altezza, infatti, si rientra in una delle 5 categorie:
 
– gruppo 0 (da 0 a 10 kg): bambini indicativamente fino a 9 mesi
– gruppo 0+ (fino a 13 kg): indicativamente fino a 12-14 mesi
– gruppo 1(da 9 a 18 kg): tra i 9 mesi e 4 anni
– gruppo 2 (a 15 a 25 kg): da 3 a 6 mesi
– gruppo 3 (da 22 a 36 kg): da 5 a 12 anni
 
Ogni categoria comporta un determinato tipo di seggiolino, fino all’ultima che prevede l’utilizzo di cuscini di rialzo che permettano al bambino di poter allacciare in maniera utile ed efficace le normali cinture di sicurezza.
La sicurezza dei bambini in auto non è un aspetto da sottovalutare. Tenuto conto che il 76% degli incidenti stradali avviene nelle strade urbane e che proprio gli incidenti stradali risultano essere la prima causa di morte per i bambini da 5 a 14 anni, si capisce quanto siano esposti al rischio. Come sottolineato dall’Organizzazione mondiale della Sanità, i sistemi di ritenuta dei bambini, se correttamente installati ed utilizzati, possono ridurre del 70% la probabilità di decesso in casi di incidente. È  stato anche dimostrato che un mancato utilizzo del seggiolino e delle cinture di sicurezza aumenta di 7 volte il rischio di conseguenze gravi, mentre il loro utilizzo riduce dell’80% il rischio di lesioni gravi. Vale la pena pensarci un attimo. (ore 09:00)

SHARE
Dario Cortimiglia
Giornalista professionista dal 2005, ottiene la laurea magistrale in Televisione, Cinema e Produzione Multimediale allo IULM e nel 2009 vince un concorso SKY per cortometraggi. Conclusione? Scrive di auto, ma è ancora convinto diventerà un grande regista. Founder & admin di @igers_messina e @exploringsicily.it.