Milano – Come ogni anno a braccetto con la Primavera arrivano anche tutta una serie di allergie ai pollini e non solo.
Spesso però, non si riflette su quanto dannoso possa risultare guidare quando si devono sopportare occhi irritati, congestione nasale, difficoltà respiratorie e attacchi ripetuti di starnuti, tutti fastidi che riducono fortemente la concentrazione mentre si è alla guida dell’auto, con gravi conseguenze per la propria e per l’altrui sicurezza (Un esempio su tutti: starnutire a una velocità di 100 km/h provoca una guida “cieca” per circa 30 metri).
Un filtro abitacolo sporco o inefficiente può ridurre il passaggio dell’aria fino al 70%, creando così le condizioni ideali per la proliferazione di batteri e funghi, a discapito del benessere delle vie respiratorie dei passeggeri. Per assicurare una buona qualità dell’aria in vettura, Bosch consiglia di controllare periodicamente lo stato del filtro abitacolo e di sostituirlo ogni 15.000 km circa o una volta l’anno .
Il filtro abitacolo Bosch assicura un efficace ricircolo dell’aria anche a temperature esterne molto alte o molto basse, garantendo ai passeggeri di respirare un’aria più pulita e ciò perché i carboni attivi che lo compongono non solo trattengono polveri e pollini ma sono anche in grado di bloccare anche i cattivi odori e buona parte dei gas dannosi presenti nell’aria esterna: la sua particolare struttura, infatti, filtra anche le emissioni nocive, consentendo un efficiente utilizzo dell’impianto di aerazione e climatizzazione anche nel traffico cittadino, in coda o nei tunnel.
 (ore 14:00)