A fare la differenza negli ultimi test sulla sicurezza la disponibilità e l’efficacia dei sistemi di sicurezza attiva, di serie o optional. La Opel Karl mette in mostra alcuna criticità nella protezione dei bambini di 3 anni, soprattutto in caso di impatto laterale.

Crash test EuroNCAP: 5 stelle a Hyundai Tucson

Negli ultimi crash test EuroNCAP massimo punteggio per la nuova Hyundai Tucson e promozione con 4 stelle per Mazda MX-5 e Opel Karl. A fare la differenza anche in quest’ultima tornata di test la disponibilità e l’efficacia dei sistemi di sicurezza attiva, di serie o optional, installati sulle auto sotto esame.

Il nuovo Suv coreano Tucson, da questo punto di vista, è stato premiato per la presenza (optional) di un sistema di assistenza alla guida in grado di segnalare al conducente i limiti di velocità locali in aggiunta ad altri due optional, limitatore di velocità e avvisatore di cambio di corsia, di cui dispongono anche la Mazda MX-5 e la Opel Karl.

IL VIDEO DEL CRASH TEST DELLA NUOVA HYUNDAI TUCSON

Anche gli altri test previsti dal protocollo EuroNCAP hanno pesato in modo significativo sulle valutazioni finali, a partire dalla quelli sulla sicurezza dei bambini a bordo. Un aspetto che ha penalizzato in modo particolare la Opel Karl, a causa di criticità riscontrate nella protezione dei bambini di 3 anni soprattutto in caso di impatto laterale.

Promossi invece a pieni voti i livelli di protezione garantiti dalla city-car tedesca per i bambini di 18 mesi, test del tutto parziale per la spider Mazda MX-5 trattandosi di un modello privo di sedili posteriori.

IL VIDEO DEL CRASH TEST DELLA OPEL KARL

Sempre in tema di sicurezza passiva, nei confronti del conducente il più severo test del palo ha messo in evidenza su tutti i modelli livelli non sempre ottimali di protezione del torace, che nel caso della Opel Karl si sono aggiunti ad ulteriori lievi criticità riscontrate nell’impatto frontale contro la barriera rigida. Il punteggio assegnato alla Mazda MX-5, anche in questo caso, è limitato alla protezione dei passeggeri dei sedili anteriori.

Da segnalare, infine, l’ottimo risultato ottenuto dalla spider di Hiroshima nella protezione dei pedoni in caso di investimento, aspetto che sia per la Tucson sia per la Karl ha fatto registrare diversi punti deboli, in particolare per quanto riguarda la protezione del bacino, nel caso del Suv Hyundai, e della testa per l’impatto contro la base o i montanti del parabrezza nel caso della piccola Opel.

IL VIDEO DEL CRASH TEST DELLA MAZDA MX-5

NO COMMENTS

Leave a Reply