“Dacia Sponsor Day – The Split”: il calcio aiuta lo sport

Dacia, in collaborazione con l’Udinese e con il patrocinio del Coni, vuole dare il suo contributo nel premiare quell’Italia sportiva poco conosciuta portando alla ribalta atleti e società che praticano sport considerati “secondari”.

DACIA-UDINESE dacia sponsor day

Dacia, da tempo main sponsor dell’Udinese Calcio, con “Dacia Sponsor Day – The Split” realizzato in collaborazione con la squadra friulana e con il patrocinio del Coni, vuole dare il suo contributo nel premiare quell’Italia sportiva forse poco conosciuta. Oltre ai tesserati Figc, sono 3.400.000 gli atleti di federazioni nazionali e discipline associate al Coni che militano in oltre 50.000 società sportive.

L’impegno di tre di queste squadre, nonostante le scarse risorse economiche a disposizione, sarà celebrato in tre diverse giornate di campionato, dove la pratica sportiva raggiunge in Italia il massimo livello di notorietà.

In occasione di tre partite di Serie A, il capitano dell’Udinese Totò Di Natale e i suoi compagni “condivideranno” la loro maglia con quella delle squadra vincitrice dell’iniziativa, che avrà l’opportunità di calcare un palcoscenico assolutamente inusuale.

La partecipazione a “Dacia Sponsor Day – The Split” è aperta a qualsiasi associazione o società sportiva italiana che pratichi uno sport di squadra a livello dilettantistico o professionistico, legato a federazioni sportive nazionali o discipline sportive associate al Coni. Le candidature possono essere inviate dal 2 febbraio al 2 marzo, compilando il form sul portale www.daciasponsorday.it. Entro il 30 marzo, i vincitori saranno selezionati da una giuria presieduta da Giovanni Malagò, presidente del Coni.

“Si tratta di un’iniziativa straordinaria che mi auguro diventi la prima di una lunga serie. Il nostro Paese ha bisogno di questi esempi virtuosi, capaci di mettere in vetrina le potenzialità del nostro movimento per sviluppare una nuova cultura sportiva. L’Udinese regala un assist geniale a tutto il mondo calcistico, affinché possa garantire attraverso la sua indiscussa popolarità un palcoscenico speciale per promuovere la visibilità delle altre discipline, nel nome della passione autentica per lo sport”, Giovanni Malagò.

Da un rapido sguardo alla geografia dell’Italia sportiva, infatti, si può notare come, seppur meno noti del calcio e con un minor numero di atleti, molti sport “insospettabili” si trovano ai primi posti nelle classifiche regionali di diffusione. In Calabria, Sicilia e Sardegna, ad esempio, il badminton è uno dei primi cinque sport con il maggior numero di atleti!

“Dopo il successo riscosso da Dacia Sponsor Day nel 2014, abbiamo deciso di proporre quest’anno una nuova formula che sono convinto coinvolgerà l’intero universo sportivo italiano”, Francesco Fontana-Giusti, direttore comunicazione & immagine Dacia Italia.

Questo progetto nasce nell’ambito della fortunata partnership siglata nel 2009 tra Dacia e Udinese Calcio, terreno d’incontro di due realtà che condividono un dna giovane e dinamico conseguendo successi nei rispettivi settori.

“Dopo aver aiutato le giovani imprese a guadagnarsi la ribalta nazionale, questa volta daremo visibilità agli sportivi che sudano e fanno enormi sacrifici per raggiungere risultati che spesso ignoriamo perché non divulgati adeguatamente. Siamo un Paese ‘calciofilo’ ma non bisogna dimenticare che oltre al calcio ci sono milioni di praticanti di altre discipline”, Franco Soldati, presidente Udinese Calcio.