Milano – Dal 2002 la filiale italiana di Bmw Group è partner del prestigioso teatro milanese Alla Scala. Dal 2005 la collaborazione include anche la “prima” del 7 dicembre che quest’anno ha messo in scena il “Don Giovanni” di Mozart, diretto dal maestro Daniel Barenboim.
Quest’anno il Bmw Group festeggia 40 anni di impegno culturale internazionale. Durante questo periodo, il Bmw Group ha iniziato e partecipato a più di 100 cooperazioni culturali in tutto il mondo. L’azienda pone l’obiettivo principale del suo impegno a lungo termine sull’arte moderna e contemporanea, sul jazz e sulla musica classica, nonché sull’architettura e sul design. Negli ultimi sette anni il Bmw Group è stato inoltre riconosciuto come leader del settore nel Dow Jones Sustainability Index.
Nel 1972, tre grandi dipinti furono creati dall’artista Gerhard Richter appositamente per l’androne della sede del Bmw Group di Monaco. Da allora, artisti del calibro di Andy Warhol, Roy Lichtenstein, Olafur Eliasson, Thomas Demand e Jeff Koons hanno collaborato con Bmw
Inoltre, la società ha commissionato ad architetti di fama internazionale, tra cui Karl Schwanzer, Zaha Hadid e la cooperativa Coop Himmelb(l)au, la costruzione degli edifici principali e degli impianti di produzione. In tutte le attività culturali in cui è coinvolta, l’azienda garantisce una libertà creativa assoluta ai propri partner, in quanto si tratta di una condizione essenziale non solo per la creazione di opere artistiche all’avanguardia, ma anche per lo sviluppo di innovazioni pionieristiche in un’azienda di successo.
Avviata nel 2002, anno della chiusura per il restauro e la ristrutturazione del teatro disegnato dall’architetto neoclassico Giuseppe Piermarini e del  temporaneo trasloco al Teatro degli Arcimboldi – la collaborazione con il Teatro alla Scala di Milano rappresenta un vero fiore all’occhiello per Bmw Group Italia all’interno del panorama di attività culturali e di responsabilità sociale dell’azienda che vanta, tra le altre, la Bmw Research Unit  per la ricerca sulle cellule staminali adulte del cervello, la Bmw Driving Academy per l’educazione alla guida responsabile e la scuola di sci per diversamente abili di Sauze d’Oulx.
La relazione con il prestigioso teatro di Milano si è arricchita, a partire dal 2005, con la partnership in occasione dell’apertura della stagione con il consueto appuntamento della “prima” della Scala del 7 dicembre.
<<Valori come stile, qualità, performance e ricerca dell’eccellenza – ha dichiarato Franz Jung, presidente e amministratore delegato di Bmw Italia – sono comuni ad entrambi. Ecco perché, dopo 10 anni, la collaborazione continua e stiamo lavorando a progetti per il futuro. Inoltre la partnership con il Teatro Alla Scala è una delle più prestigiose e ammirate a livello internazionale all’interno del Bmw Group>>.
Tante le iniziative realizzate insieme nel corso degli anni, ad esempio per il lancio di nuovi prodotti, come le ultime due generazioni della Serie 7. Nel 2008, inoltre,  per celebrare il decennale del trasferimento di Bmw Italia da Palazzolo di Sona a Milano, fu realizzato un concerto sinfonico straordinario e riservato, diretto dal maestro Daniele Gatti ed eseguito dalla Filarmonica della Scala. Il programma musicale scelto per l’occasione rispecchiava i valori di innovazione, gusto per la sfida e rispetto per la tradizione tipici della Casa di Monaco. (ore 14:27)