Washington – Nuovo episodio di follia in un Campus universitario americano. Ieri un ex studente della Northern Illinois University armato con due pistole ed un fucile verso le tre del pomeriggio si è introdotto nel Campus attraverso una entrata secondaria e si è recato in un’aula della Cole Hall dove stava per terminare una lezione di geologia.
Qui il giovane, bianco e magro, vestito di nero è entrato ed ha iniziato a sparare uccidendo almeno cinque persone durante una lezione per poi togliersi la vita. Altri 16 studenti sono rimasti feriti, alcuni gravemente.
“Non ha detto una parola – ha raccontato un testimone – E’ salito sul podio dove si trovata l’insegnante ed ha aperto il fuoco verso gli. Ha sparato in rapida successione, con calma mentre nell’aula esplodevano il caos e il terrore”.
Gli studenti hanno tentato disperatamente di scappare, calpestandosi a vicenda, fuggendo tra corpi insanguinati, urla di terrore e lamenti. La polizia del campus universitario, che si trova a DeKalb (a circa 100 km da Chicago), è giunta rapidamente sulla scena della strage. Ma l’assalitore, che aveva frequentato corsi di sociologia all’università, si era già tolto la vita.
Gli studenti sono stati inoltre invitati, una volta accertata la morte del killer, a chiamare i loro familiari.
Le lezioni sono state immediatamente sospese e l’università resterà chiusa anche oggi. Il presidente della università, John Peters, ha detto in una conferenza stampa che quattro persone sono morte nella classe di geologia (compreso lo sparatore) mentre altre due sono morte successivamente in ospedale. Non è ancora emerso un motivo per la strage. (ore 10:00)