Bologna – Oggi il metano può essere usato come carburante anche per i treni. In Canada è infatti in corso la prova (condotta da Canadian National Railway, società ferroviaria canadese) di due locomotive dotate di motori da 3.000 cv alimentati a metano ed a gasolio. Le locomotive – rende noto l’Osservatorio Metanauto, struttura di ricerca sul metano per autotrazione – utilizzano una miscela composta al 90% da metano ed al 10% da gasolio e possono, secondo le stime della società ferroviaria, ridurre le emissioni di biossido di carbonio del 30% e quelle degli ossidi di azoto del 70% nel loro intero ciclo di lavoro rispetto alle locomotive attualmente in funzione.
Il percorso su cui queste locomotive sono in prova è lungo più di 300 miglia (circa 480 chilometri) e va da Edmonton a Fort McMurray, nel nord dell’Alberta. I rifornimenti e le operazioni di manutenzione sono svolte ad Edmonton. <<Questa prova – ha commentato Kaith Creel, vice presidente esecutivo di Canadian National Railways – testimonia i nostri sforzi per coniugare la ricerca di una maggiore efficienza operativa alla riduzione dell’impatto sull’ambiente>>.
<<Il fatto che oggi si stia utilizzando il metano anche per l’alimentazione dei treni, dopo auto, navi, aerei e moto – dichiara Dante Natali, presidente dell’Osservatorio Metanauto e di  Federmetano – conferma le qualità di questo carburante: qualità ecologiche, visto che tra quelli in commercio è il carburante con le emissioni minori, ma anche qualità economiche, dal momento che utilizzare mezzi a metano consente di ottenere consistenti risparmi nella spesa per il carburante>>.