Costa Smeralda – Il 2012 rallistico di Peugeot si conclude in maniera esaltante: sesto titolo (costruttore estero più titolato) italiano rally, quinto consecutivo, Paolo Andreucci e Anna Andreussi vincono il XXXI Rally Costa Smeralda, stefano Albertini sulla seconda vettura schierata da Peugeot Italia, si classifica terzo assoluto nella massima serie italiana, vittoria del Trofeo Rally Terra di Mauro Trentin, successi nel Trofeo Indipendenti di Alessandro Perico e Matteo Gamba (vincitore anche del Peugeot Competition, il trofeo promozionale riservato ai clienti privati).
Euforico Paolo Andreucci: «Chiudiamo nella maniera migliore una stagione perfetta. Ci tenevo molto a fare bene al Costa Smeralda, è la mia sesta vittoria in terra sarda…è una gara che mi piace molto, per le prove speciali difficili e tecniche, per la bellezza dei passaggi e per il calore dei tifosi, sempre in moltissimi a fare il tifo sulle prove cronometrate. Sono partito subito al massimo convinto di poter fare la differenza e così è stato. Ho accumulato un margine che mi ha consentito di controllare la gara con un certa tranquillità. L’insidia e la possibilità d’errore su queste strade è sempre dietro l’angolo, siamo stati bravi a non commettere sbavature. Ed ora è bello essere qui a festeggiare tutti insieme il Tricolore costruttori con Peugeot Italia, con tutto il team ed i ragazzi della Racing Lions. Un grande anno di sport e di rally per il Leone. Merito nostro e di tutti i nostri colleghi che con le loro prestazioni a bordo di Peugeot hanno contribuito in maniera importante alla conquista di questo titolo».
Stefano Albertini commenta: «Sono senza parole ed emozionato. Il poter correre su una Peugeot gommata da Pirelli era una sfida che ad inizio anno un po’ mi intimoriva…il salto dalle due ruote motrici ad una macchina da assoluto non è stato di poco conto. Spero che questo terzo posto finale nel campionato italiano possa soddisfare tutti quelli che hanno creduto e investito su di me e su questo progetto. In certe gare ho pagato un po’ lo scotto di essere al debutto e di non conoscere le prove, grazie a Racing Lions e a Pirelli, alla tranquillità e professionalità che mi hanno messo a disposizione, sono riuscito a crescere professionalmente, a non commettere errori e a migliorare nei riscontri cronometrati».
Mauro Trentin: «Si conclude una stagione importante che mi ha visto tornare al successo nel Terra dopo la vittoria del 2008. Con Peugeot è stato un amore a prima vista, in questi anni da privato ho sempre corso con il Leone…una vettura performante e sempre affidabile. Poi ho ritrovato una squadra, la Racing Lions, che mi ha sempre dato tranquillità e sicurezza, e Pirelli, con un prodotto valido e vincente in tutte le condizioni…io dovevo solo pensare a correre, Credo di averlo fatto nel migliore dei modi».