Roma – La mappa del mare sicuro certificata dalla Guida Blu 2008, presentata a Roma da Legambiente e Touring Club italiano ha eletto l’Isola del Giglio, in provincia di Grosseto, che ruba lo scettro a Caparbio, isola dal mare più blu. Dietro il lido grossetano, le campane Pollica Acciaroli e Pioppi, le Cinque Terre in Liguria e l’ex prima Caparbio.
Per la prima volta è un’intera isola ad aggiudicarsi il gradino più alto del podio, “per l’ottima sostenibilità – sottolinea Legambiente – e la tutela dell’ecosistema terrestre e costiero e per aver prestato particolare attenzione al verde pubblico, alla raccolta differenziata e alla mobilità sostenibile”.
Tra i motivi del riconoscimento inoltre la salvaguardia e la sostenibilità dell’ isola di Giannutri che rappresenta una delle aree più particolari ed interessanti dal punto di vista naturalistico dell’Arcipelago Toscano. Completano la Top Ten Nardò (Lecce) al quinto posto, Castiglion della Pescaia (Grosseto) al sesto, Domus de Maria (Cagliari) al settimo, Salina Isola (Messina) all’ottavo, Baunei (Nuoro) al nono e Posada (Nuoro) al decimo. Fra le regioni italiane è la Sardegna quella in cui si concentra il maggior numero di località costiere che ottengono il massimo riconoscimento di Legambiente, ben 14 su un totale di 54. Bene anche la Toscana, che tra le migliori ne piazza 11, seguita dalla Sicilia con 9 località, e la Puglia con 7. (ore 13:15)