Parigi -Per evidenziare che il Leone è ormai sinonimo mondiale di mobilità a 360°, Peugeot lancia una nuova sfida, sempre sotto l'insegna del Peugeot Road Experience, dove robustezza del mezzo meccanico e tenuta fisica dell'uomo sono messe alla prova per compiere avventure volte ad approfondire la conoscenza dei popoli.
Così, dopo l'Arc to Arc di maggio (in bici dall'Arco di Trionfo di Parigi all'Arco della Pace di Milano: 144 ore in sella,1300 chilometri, passando per Germania ed Austria) Andrea Tozzi, nome noto nel mondo dell'Ultracycling e la sua Peugeot CS-01 Sport, bicicletta progettata per le grandi imprese, affrontano il Peugeot TransAmerica Coast to Coast: Washington, Idaho, Montana, North Dakota, Minnesota, Wisconsin, Illinois, Indiana, Ohio, Pennsylvania, New Jersey, New York. Dodici Stati, seimila chilometri.
Due mesi senza alcun supporto al seguito, in solitaria. Per Andrea Tozzi e la sua CS-01 un viaggio alla Jack Kerouak per scoprire l'altra faccia degli Stati Uniti: luoghi fatti di vento e di silenzio, di orizzonti infiniti e di paesi in cui il tempo si è fermato. Davvero un altro mondo!
La Peugeot CS-01 è un’eccezionale combinazione di carbonio e alluminio. I due elementi forniscono un comfort ottimale, senza sacrificare la sportività. Il manubrio, con attacco regolabile e manopole ergonomiche, permette di avere una posizione di guida particolarmente confortevole. Il cambio Shimano a 20 rapporti garantisce versatilità ed efficacia su qualunque tipo di terreno.
«Scopo di questa nuova tappa del Peugeot Road Experience è scoprire aspetti nuovi di un Paese che credevamo di conoscere e di capire – spiega Andrea Tozzi prima della partenza – un Paese che nasconde infinite tonalità di cui neppure sospettavamo l'esistenza».
Per accompagnare in diretta Andrea nel suo Peugeot TransAmerica Coast to Coast e condividerne le emozioni basta collegarsi a www.roadexperience.peugeot.it/transamerica.
Mentre Andrea Tozzi e la sua CS-01 saranno in viaggio attraverso gli States, Peugeot Road Experience vivrà un'altra emozione: la partecipazione della 2008 alla settima edizione del Mongol Charity Rally, già affrontato con successo lo scorso anno da una 208. Si tratta di un raid all’antica, quest'anno ancora più massacrante perché la 2008 non dovrà soltanto raggiungere Ulaan Bataar, l’antica capitale della Mongolia, ma, per scelta di Peugeot Italia, dovrà tornare alla base su un tragitto diverso, raddoppiando così le difficoltà.
Itinerario di andata, con partenza Praga: Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Ungheria, Serbia, Bulgaria, Turchia, Iran, Turkmenistan, Uzbekistan, Tajikistan, Kyrgyzstan, Kazakistan, Russia, Ulaan Bataar (Mongolia).
Itinerario di ritorno: Mongolia, Russia, Praga, Milano.
Unici premi in palio sono la soddisfazione di compiere l'impresa e la gioia di aver contribuito concretamente ad un grande progetto di solidarietà tramite la tassa d'iscrizione.