Vicenza – In un periodo storico segnato dalla crisi economica e dai suoi effetti negativi su gran parte della popolazione, alcune aziende italiane vogliono portare un messaggio di positività e speranza, creando così l’operazione Kilometro Solidale.
L’iniziativa capitanata dall’azienda leader nel trasporto su pallet Pall-Ex Italia, ha coinvolto un gran numero di società che si avvalgono del loro servizio di trasporto per questa operazione benefica. Ai kilometri di strada che i mezzi Pall-Ex percorrono ogni giorno sulle strade italiane, verrà aggiunto un kilometro in più, diverso e speciale: il kilometro solidale.
Morato Pane S.p.A., Filippi Panettoni, Fonte Margherita S.p.A., Olio Flaminio, Fratelli Contorno, Ederchimicasono solo alcune tra le aziende produttrici di beni alimentari che hanno voluto donare una parte della loro produzione in beneficenza.
Emblematico è il caso della Sardegna dove alcune aziende (Panificio F.lli Carta, Tipico Srl, Puddu Raffaelle, Panificio Cherchi Rosalia, Panificio Eleonora di Cianciotto Raffaele, Santu Predu Panificio di Bua Gian Simone, Panificio Marratzu di Coccollone Giuseppina, Biscottificio GLMF Snc di Monne G & C, Panefiziu Santu Juanne) non solo hanno aderito all’operazione Kilometro Sociale, ma il loro gesto è stato seguito anche da altre realtà sarde come quella dei produttori di olio dell’Accademia Olearia s.r.l., di miele della Cooperativa Apistica Mediterranea e di pasta del Pastificio I Cagliaritani.
Una volta raccolti tutti i beni alimentari, provenienti da tutta la penisola, viaggeranno su un camion Pall-Ex per essere consegnati ad uno dei uno dei centri di accoglienza di Fondazione Progetto Arca onlus a Milano. Qui saranno suddivisi tra la cucina della Fondazione, che prepara quotidianamente pasti per le persone senza dimora e i pacchi viveri per gli anziani che vivono al di sotto della soglia di povertà.
Anche la Federazione Italiana Rugby, di cui Pall-Ex Italia è sponsor, ha aderito all’iniziativa e confermato la disponibilità dei rugbisti della nazionale ad effettuare personalmente alcune consegne.