Lloret de Mar (Spagna) – Arrestato nella serata di ieri a Tarragona, 200 chilometri da Lloret de Mar il giovane Victor Diaz Silva, “el gordo”, sospettato e ora reo confesso dell’omicidio di Federica Squarise.
Dopo l’arresto, gli agenti hanno portato l’uruguaiano all’ospedale “Sant Pau y Santa Tecla” di Tarragona per un esame di routine, dopodichè è stato trasferito nelle celle del commissariato di polizia. Nelle prossime ore sarà trasferito a Blanes, dove si trova il magistrato che si occupa dell’inchiesta.
A differenza di quello che era stato detto finora, non è sposato e non ha un figlio. Claudia, la cameriera che era stata indicata da alcuni come la moglie, è in realtà la fidanzata. E’ uruguaiana come lui, ha un bambino di otto anni, ma non di Victor, non é chiaro se abbia dato un contributo per trovare “el gordo”. Dopo la confessione di Victor Diaz Silva, le indagini della polizia spagnola sull’omicidio di Federica Squarise puntano a ricostruire la dinamica del delitto e ad accertare eventuali complicità.
Intanto, all’istituto di medicina legale di Girona, dove è stata eseguita ieri l’autopsia, sono stati effettuati altri esami istologici e tossicologici per verificare la causa del decesso e accertare se ci sia stata violenza carnale. Nel pomeriggio, sul luogo del ritrovamento del corpo, qualcuno ha portato dei fiori e una bandiera tricolore. Questa sera, infine, diverse associazioni e abitanti di Lloret de Mar si ritroveranno in piazza per manifestare la loro indignazione per la morte di Federica: si accenderanno candele e ci sarà un minuto di silenzio. (ore 14:30)

NO COMMENTS

Leave a Reply