Preso Radovan Karadzic, “architetto di genocidi”

Preso Radovan Karadzic, “architetto di genocidi”

Belgrado – Radovan Karadzic, l’uomo che diede via libera al massacro di 8.000 persone nell’enclave di Srebrenica durante l’assedio di Sarajevo, è stato localizzato e arrestato questa notte a Belgrado.
Il 63enne latitante da 13 anni è stato già portato di fronte agli inquirenti del Corte per i crimini di guerra che ha sede a Belgrado, come previsto dalla convenzione di collaborazione con il Tpi.
La sua cattura viene due settimane dopo la formazione di un governo filoeuropeo e tre mesi dopo la firma del Trattato di associazione e stabilizzazione con l’Ue. La presidenza francese dell’Unione non ha tardato a definire la cattura “un importante passo verso l’Ue”. Il procuratore capo, Serge Brammertz, ha salutato con gioia la cattura.
<<Sono stato informato dai colleghi di Belgrado – ha fatto sapere in una nota – dell’operazione che ha portato all’arresto di Karadzic, A nome dell’ufficio del procuratore vorrei congratularmi con le autorità serbe e in particolare con il Consiglio di sicurezza nazionale per aver raggiunto questo importante risultato nella collaborazione con il Tpi>>. Richard Holbrooke, l’ex segretario di Stato americano che negozio’ gli accordi di Dayton del 1995, ha definito Karadzic “l’Osama bin Laden d’Europa”, oltre che “un vero e proprio architetto di genocidi. (ore 10:15)

NO COMMENTS

Leave a Reply