Madrid – Grave incidente aereo a Madrid dove un velivolo Spanair diretto a a Las Palmas, ha preso fuoco ad uno dei motori poco dopo il decollo e si è spaccato in due in fiamme sulla pista dopo aver tentato un atterraggio d’emergenza. Secondo fonti dei soccorritori soltanto 23 delle 173 persone a bordo dell’aereo sono sopravvissute, portando a circa 150 il bilancio dei morti. Le autorità aeroportuali hanno da subito dichiarato lo stato d’emergenza e chiuso il traffico aereo.
Sul posto sono giunti 11 mezzi dei vigili del fuoco, in questo momento al lavoro per spegnere le fiamme. Fonti del governo spagnolo hanno detto che finora sono stati estratti dall’aereo 45 cadaveri e tra i sopravvissuti 19 sono in gravi condizioni. Il premier spagnolo, José Luis Zapatero, ha interrotto le sue vacanze e si sta recando all’aeroporto Barajas. Lo ha riferito la Cnn in lingua spagnola.
Fonti della Spanair hanno confermato che la direzione della compagnia aerea è riunita ed è stato attivato il protocollo d’emergenza. Il sindaco di Madrid, Alberto Ruiz-Gallardo’n, è giunto all’aeroporto Barajas per seguire da vicino la situazione.
La Farnesina si è immediatamente attivata presso le sue sedi consolari e diplomatiche a Madrid per verificare con le autorità spagnole l’eventuale coinvolgimento di cittadini italiani nell’incidente avvenuto nella capitale spagnola. A rivelare che i superstiti sarebbero solo 23 è stato un addetto ai servizi di emergenza. Un testimone oculare ha dichiarato:<<E’ un miracolo che ci siano superstiti>>. Gli uomini impegnati nei soccorsi sono attualmente 170 vigili urbani, 70 vigili del fuoco del Comune di Madrid e 230 addetti ai servizi d’emergenza. (ore 14:00)