Washington – Mosca ha inviato alla Nato una lettera nella quale annuncia la sospensione della “cooperazione militare fino a nuove decisioni”
La decisione viene dopo le tensioni dovute alle decisioni del vertice dei ministri degli Esteri dell’Alleanza di martedì, che condannarono l’eccesso di violenza da parte di Mosca in Georgia e dissero che quanto accaduto non può passare come «se nulla fosse». Immediatamente dopo l’ambasciatore presso la Nato è stato richiamato a Mosca (dove si recherà martedì) e da ieri circolava la voce, diffusa dalla diplomazia norvegese, della interruzione della collaborazione militare.
Sulla questione si è espresso il ministro degli Esteri Franco Frattini, che ha dichiarato:<<Spero che le autorità russe vorranno ripensare alla loro decisione di ridurre, o peggio sospendere, la loro collaborazione con la Nato. Sono assolutamente convinto – ha aggiunto il titolare della Farnesina intervistato dal Tg1 – che per l’Italia, l’Europa e la Nato la collaborazione militare con la Russia sia indispensabile. Ne va della nostra sicurezza, non solo di quella della Russia che ha bisogno di noi e come noi ne abbiamo di lei>>. (ore 13:00)