Los Angeles – E’ morto all’età di sessantasei anni stroncato dal cancro, Michael Crichton, scrittore che può essere definito il “padre” dei tecno-thriller.
Nato a Chicago e cresciuto a Long Island (New York), Crichton, che nella sua carriera ha usato anche pseudonimi come John Lange e Jeffrey Hudson, scelti in riferimento ai suoi 2.06 di altezza (Lange in tedesco significa «persona alta» e Sir Jeffrey Hudson fu un famoso «gigante» della corte della regina Maria di Francia nel ‘700),ha studiato medicina ad Harvard dove si è laureato per poi esercitare per pochissimo la professione medica preferendo seguire la sua passione: scrivere. Dalla sua penna oltre a bestseller, universalmente noti per le loro trasposizioni cinematografiche, Jurassic Park, Congo, Sfera, la prima e più amata serie TV dedicata ai camici bianchi: «E.R.».
Michael Crichton è morto dopo una battaglia contro il cancro. Nonostante la malattia, non rivelata al pubblico, la famiglia del romanziere e sceneggiatore ha definito la morte «improvvisa e inaspettata»(parole che vanno prese sul serio dal momento che Crichton stava lavorando al quarto film della serie Jurassic Park e aveva in programma anche la realizzazione della sceneggiatura del film Westword) e ha diramato un comunicato: «Mentre il pubblico lo conosceva come un grande autore che ha posto nuovi confini alle nozioni preconcette del mondo intorno a noi, la moglie Sherry, la figlia Taylor, i parenti e gli amici lo hanno apprezzato come marito e padre amorevole e amico generoso, capace di essere fonte di ispirazione e di saper insegnare a vedere le meraviglie del mondo attraverso occhi sempre nuovi. Lo ha fatto con il suo grande senso dell’umorismo. Chi ha avuto il privilegio di conoscerlo personalmente non lo dimenticherà». (ore 15:15)