L’America “condanna a morte” Batman

L’America “condanna a morte” Batman

Londra – Dopo 70 anni di onorata carriera spesa a difendere le vie di Gotham City dagli attentati di loschi figuri, Batman troverà la morte.
A dare lo scioccante annuncio è stato Grant Morrison, scrittore scozzese che dal 2006 sceneggia le storie della serie dedicata all’uomo-pipistrello. La dipartita del celebre supereroe avverrà nel prossimo numero del fumetto pubblicato in America dalla DC Comics che sarà in edicola da mercoledì con il titolo di Batman Rip. Ciò che preoccupa i fan di Batman è la voce sempre più insistente che a uccidere il popolare eroe sarà nientemeno che Robin, il fidato compagno di mille battaglie.
Secondo fonti molto vicine alla DC Comics, Batman avrà una morte lenta e macabra. «Ciò che gli ho riservato è un destino peggiore della morte – ha detto Morrison al Comic Book Resources, sito web dedicato ai principali fumetti americani – Accadranno cose che nessun vorrebbe che capitassero a questi eroi».
Morrison ci tiene a mantenere alta la suspense e afferma che i principali candidati come killer dell’uomo pipistrello sono Tim Drake (il terzo ragazzo a vestire i panni di Robin) e Dick Grayson, il primo e miglior allievo di Batman, che si guadagnò il titolo di «Boy Wonder» (ragazzo meraviglia) prima di diventare il supereroe Nightwing.
Secondo i bene informati dovrebbe, però, essere proprio il fidato amico Robin che passato dalla parte dei «cattivi», lo ucciderà dopo una terribile e storica battaglia. Altre voci invece affermano che a togliere la vita all’alter ego di Bruce Wayne, il ricco industriale che opera a Gotham City, sarà un misterioso personaggio chiamato Black Glove, creato ad hoc per far scomparire dalla scena il supereroe. Infine c’è chi sostiene che Batman non morirà, ma proprio come una persona che ha speso tutta sua vita a lavorare (la sua prima storia è stata pubblicata negli Usa nel 1939) si godrà la pensione in tranquillo luogo americano e un nuovo personaggio dei fumetti lo sostituirà come paladino della giustizia a Gotham City.
Batman, comunque, non è il primo supereroe a morire: è capitato già a Capitan America, colpito a morte da un cecchino l’anno scorso nelle strade di New York e al mitico Superman, che fu ucciso nel 1992 dall’alieno Doomsday. Tuttavia nelle serie successive l’Uomo d’Acciaio resuscitò e continuò a portare avanti la sua missione: salvare l’umanità. (ore 17:30)

NO COMMENTS

Leave a Reply