Roma – Resi noti i nomi degli illustri italiani che hanno conti segreti in Liechtenstein. Fra loro, anche Pasquale De Vita, presidente dell’Unione petrolifera, ex componente del consiglio d’amministrazione dell’Agip e dell’Aci, con un milione di euro, nella lista dei depositi. Ci sono diversi manager della sanità e di gruppi farmaceutici, professionisti e imprenditori, anche nomi già comparsi in inchieste giudiziarie. La somma più alta evidenziata è di 476 milioni che sarebbe di Alberto Sergio Aleotti, di 85 anni, originario di Fiesole, alla guida di un gruppo farmaceutico. Vi sono poi un imprenditore di Bolzano, Anton Pchiler con 35 milioni di euro, e Raffaele Carlo Maria Santoro, con 5 milioni di euro, con un passato professionale nell’Eni e coinvolto nel ‘93 in tangentopoli in una inchiesta che allora era coordinata dal Pm Antonio Di Pietro. Nella lista compare anche il senatore Mario D’Urso con 250 mila euro. Un altro professionista, con 650 mila euro è l’avvocato Tommaso Addario che viene indicato nella lista che è stata all’esame dell’Agenzia delle entrate, coinvolto in passato nello scandalo Italcasse.
La sorpresa è che fra i “furbetti” del quartierino c’è anche la cantante Milva, al secolo Maria Ilva Biolcati.
Nessuna conferma al momento dagli interessati. (ore 17:00)