Le Dolomiti patrimonio dell’Umanità

Le Dolomiti patrimonio dell’Umanità

Auronzo di Cadore (Belluno) – Le Dolomiti sono patrimonio mondiale dell’Umanità. Il complesso, che ricade in cinque province (Trento, Bolzano, Belluno, Pordenone e Udine), è stato proclamato ufficialmente <<bene del mondo>> dopo la decisione presa all’unanimità dall’Unesco nel Giugno scorso a Siviglia. E’ il secondo riconoscimento per l’Italia dopo le Isole Eolie. I nove gruppi e i 142 mila ettari di territorio godranno da ora di tutele particolari. In tutto sono 44 i siti italiani compresi nella World Heritage List. La cerimonia di proclamazione si è tenuta ad Auronzo di Cadore alla presenza del capo dello Stato,Giorgio Napolitano e del ministro dell’Ambiente  Prestigiacomo la quale ha definito le Dolomiti <<montagne irripetibili, circondate da un territorio operoso e ospital>>, ha ricordato l’iter di coesione territoriale avviato nel 2005 che sfocerà in una fondazione che gestirà il comprensorio Unesco ed attuera’ gli interventi di tutela e valorizzazione. Tutte e cinque le province interessate vorrebbero ospitare la sede di questo organismo. Il ministro ha proposto che la fondazione sia “itinerante”, che si sposti cioè ogni due anni in ognuna delle cinque province. Il presidente della Repubblica ha scoperto una targa che sarà apposta sul campanile della chiesa principale di Auronzo, intitolata a Santa Giustina. <<Con le Dolomiti – ha detto Napolitano – l’Italia raggiunge il primato di 44 siti scritti nel patrimonio mondiale dell’Umanità. Due di essi sono stati riconosciuti siti naturali di rilevanza globale: prima delle Dolomiti, le isole Eolie>>. Reinhold Messner ha proposto di modificare il nome del complesso montuoso in Dolomites: <<Così si chiamano in Ladino e così lo chiamano gli inglesi. Un nome che sarebbe immediatamente riconoscibile in tutto il mondo>>. (ore 19:00)

NO COMMENTS

Leave a Reply