Sydney – Uno studio, pubblicato sulla rivista Biology Letters, effettuato da un gruppo di scienziati della Scuola di biologia del’Università nazionale australiana, rivela che le femmine del granchio violinista (Uca pugnax) si concedono in cambio di protezione dagli intrusi, nella continua battaglia per difendere le loro tane. Un opportunismo considerato fin’ora tipicamente umano.
I granchi violinisti (così chiamati perché nei maschi una delle chele è molto più sviluppata dell’altra e viene ritmicamente agitata per combattere, mentre le femmine hanno chele piccole che usano per alimentarsi), vivono in ammassati in migliaia in dense colonie in pianure fangose, scavando la tana nei sedimenti o nella sabbia.
Se il cunicolo crolla e se sono sfrattati da un intruso più forte, debbono vagare per il fango, in una continua sequenza di lotte per il territorio e per la conquista di un nuovo alloggio. I maschi hanno un ovvio vantaggio nella lotta per una tana, ma gli studiosi hanno osservato che i vicini di casa sono pronti ad accorrere in difesa delle femmine ed a respingere l’intruso. In cambio le femmine, altrimenti molto esigenti nella scelta di un compagno, si prestano ad un breve rapporto.  (ore 10:40)