Dakar – Ennesimo gravissimo incidente alla Parigi-Dakar dove il motociclista italiano Luca Manca a seguito di una caduta durante la sesta tappa della corsa, nel nord del Cile ha subito una lesione al polmone e un’edema cerebrale. Critiche le sue condizioni, ma i medici sono ottimisti: <<Le prossime 48 ore saranno le più critiche. È in pericolo di vita, ma dopo l’intervento di questa notte ci sono ottime speranze – ha detto Federico Ghiti, che segue la preparazione del piota, operato nella notte in una clinica di Santiago – Nel corso dell’intervento, è stata collocata una sonda nel cervello per verificare la pressione nella scatola cranica. Per ora il valore della pressione è basso, fatto molto positivo>>, ha sottolineato Ghiti. Alla “Mutual di Seguridad”, Manca è stato assistito dall’equipe di Ricardo Berla, il quale dopo l’intervento ha avuto un colloquio telefonico con la moglie del motociclista.
Il medico ha raccontato quella che si suppone sia stata la dinamica del grave incidente di Manca.
<<È avvenuto all’inizio della speciale. Logicamente non siamo a conoscenza di preciso come siano andate le cose. Sembra che Luca sia caduto una prima volta al sesto chilometro, poi c’è stata la caduta e l’incidente grave al decimo chilometro. Per fortuna – ha sottolineato Ghiti – è stato subito soccorso da due piloti che erano dietro di lui, i quali hanno chiamato l’elicottero dell’organizzazione, arrivato quasi subito: dopo circa 6-7 minuti, anche perché l’incidente è avvenuto appunto subito dopo la partenza, non cioè in mezzo alle montagne dell’Atacama, dove tutto sarebbe stato più difficile>>. (ore 16:50)
Nella foto: Luca Manca.