Roma – Pazza Primavera. Ma non per colpa sua, come stagione. E’ arrivata in anticipo per l’effetto serra in gran parte del mondo ma in Italia si prevede una primavera più piovosa e un po’ meno calda rispetto alla media degli ultimi 30 anni. I motivi? La scarsa attività solare, il forte innevamento nell’emisfero Nord e un’anomalia dei venti stratosferici equatoriali. In Giappone, ad esempio, i fiori di ciliegio sono comparsi con grande anticipo, mentre negli Usa è “strage” di violette. Insomma ce poco da stare allegri. Certo gli esperti non è che sia concordi nell’emettere giudizi e previsioni, ma quel che accade di anomalo è sotto gli occhi di tutti. Il pianeta lancia l’ennesimoi SOS ma noi siamo in tutt’altre faccende affaccendati. (ore 17:45)