Milano – Una ricerca della della Yale University School of Medicine, mette in guardia dai danni provocati dallo “sparsi” la musica a tutto volume nelle cuffie, abitudine, aimè, diffusissima fra i giovani e non solo.
Secondo le ricerche del professor Peter Rabinowitz riportate oggi dal Telegraph, i livelli del volume della musica di alcuni lettori Mp3 supererebbero addirittura di 120 decibel quelli sopportabili dall’orecchio umano, raggiungendo intensità pari a quelle del motore di un jet in azione. A livello medico sono ancora poche le ricerche che verificano le conseguenze dell’esposizione ai rumori di iPod e lettori Mp3 di altre marche.
Lo stesso professor Rabinowitz, scrivendo sul British Medical Journal, mette in guardia anche dalle conseguenze dell’uso dei lettori musicali in momenti in cui l’attenzione dovrebbe essere sempre massima. Il rimbombo della musica nei timpani infatti potrebbe abbassare la soglia di guardia alla guida, tanto quanto accade mentre si chiacchiera al telefono cellulare o si inviano sms guidando. (ore 18:17)

NO COMMENTS

Leave a Reply