Roma – Non ama molto i festeggiamenti in grande stile il Nobel Rita Levi Montalcini, ne avrebbe volentieri fatto a meno anche lo scorso anno per il suo centesimo compleanno, ma dato l’evento non si è potuta certo esimere. Oggi, però, il suo compleanno è stato molto più tranquillo.
Anche se, per celebrare questo importante traguardo è stato addirittura creato un sito internet ad hoc “Rita101″, che vedrà stasera dalle 21:00 di scena all’indirizzo www.rita101.tv/ uno show coordinato da un piccolo studio di Bologna sul circuito delle micro tv web italiane, su portali informativi e su un canale satellitare (sat 891).
In programma collegamenti con diverse emittenti e ricercatori italiani in tutto il mondo.
Il sito rispecchia l’indole della donna e la sua esperienza di vita; il motto è “Ricerca. Rete. Rita”: viene quindi richiamato l’impegno della Montalcini nella ricerca scientifica, dando visibilità a quei ricercatori che si impegnano costantemente nella loro professione, nonostante i fondi carenti e le difficoltà connesse a questa scelta di vita. Come sottolinea la presentazione di Rita101 (http://www.rita101.tv): “Rita101 è un omaggio a chi fa ricerca. In rete. In nome della grande Rita Levi Montalcini. Seguendo il suo modello, il suo insegnamento, il suo stile.”.
Sul sito è disponibile anche il messaggio di auguri del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, il quale ha elogiato la ricercatrice, mettendo in risalto la sua figura e il suo impegno: <<In occasione del compleanno della senatrice a vita Rita Levi Montalcini, desidero rivolgere, a nome di tutti gli italiani, i più fervidi auguri a una donna esemplare, personalità eminente, per il suo impegno sempre intenso, rigoroso, ed esemplare per la scienza, per le istituzioni e per il Paese>>
Gli organizzatori del sito hanno anche aperto una pagina su Facebook, dove il popolo del web può manifestare la propria stima e il proprio affetto sincero per una donna che ha sempre dimostrato di credere nella propria attività: nel momento in cui scriviamo le adesioni al gruppo hanno superato le 1.000 unità.
<<La rete intende festeggiare Rita Levi Montalcini proponendo le storie di (stra)ordinaria quotidianità legate ai ricercatori italiani in Italia e a chi ha scelto di fare ricerca all’estero – spiegano in una nota gli organizzatori dell’evento – Conquiste, denunce, battaglie vinte e perse, impegno e determinazione, sconforto, obbiettivi raggiunti, il ruolo della rete, le sinergie con i ricercatori esteri, le eccellenze che decidono di ‘espatriare'” sono tra i temi del progetto Rita101>>, spiegano ancora gli organizzatori.
Scienziata premio Nobel per la Medicina nel 1986, Rita Levi Montalcini è nata a Torino nel 1909 e si è dedicata sin dai primi anni universitari agli studi sul sistema nervoso.
Durante la guerra, Montalcini si rifugiò nell’Astigiano e successivamente in clandestinità a Firenze.
Dopo ricerche negli Stati Uniti, nel 1951 si recò in Brasile per poter eseguire esperimenti di colture in vitro presso l’Istituto di Biofisica dell’Università di Rio de Janeiro dove, nel dicembre dello stesso anno, identificò il fattore di crescita delle cellule nervose, scoperta che le valse nel 1986 il Nobel per la Medicina.
Montalcini, nominata senatrice a vita il primo agosto 2001, è tutt’oggi impegnata nell’attività scientifica e nel campo sociale attraverso una fondazione che porta il suo nome.
<<Ci auguriamo che torni presto in laboratorio: ne abbiamo bisogno sul piano scientifico e umano>>, dice uno dei suoi collaboratori più stretti, Piero Calissano, riferendosi all’Istituto Europeo per le Ricerche sul Cervello (Ebri), che Rita Levi Montalcini ha voluto fortemente e del quale è presidente. In laboratorio il Nobel non sta andando più dal Febbraio scorso, quando una caduta in casa le provocò la rottura del collo del femore, rendendo necessario un intervento chirurgico.  Ma chi la conosce davvero scommette sulle capacità di ripresa del premio Nobel. (ore 16:39)

NO COMMENTS

Leave a Reply