Houston – Gli scienziati della Nasa da diversi giorni tengono sotto stretto controllo il Sole. L’attività della sua superficie, infatti, sta registrando dei picchi fuori dal comune, che nella notte tra il 3 e il 4 agosto provocheranno un vero e proprio “tsunami” solare.
In questi giorni si sono registrati dei veri “fuochi d’artificio solari”. Gli scienziati della Nasa nelle scorse ore hanno registrato un’esplosione fuori dal comune. L’evento si è verificato in corrispondenza di una macchia solare grande quanto il nostro pianeta. Il fenomeno, secondo la Nasa, può essere collegato ad un’eruzione di dimensioni ancora maggiori. Queste esplosioni sono emissioni della corona solare che spingono nello spazio circostante onde di gas, creando una sorta di tsunami solare, che secondo gli scienziati interesserà anche la Terra. L’onda d’urto che viaggia nello spazio, infatti, andrà a scontrarsi sullo scudo magnetico che circonda il nostro pianeta. Il primo effetto visibile dello tsunami è un’esplosione di aurore boreali. Ne sono previste di spettacolari nei cieli del Nord Europa e del Nord America a partire dalla notte del 3 agosto e saranno le più brillanti e colorate degli ultimi anni.
Il fenomeno però, va oltre queste spettacolari emanazioni. Gli astrofisici spiegano che si tratta della prima eruzione di simili proporzioni diretta al nostro pianeta e sottolineano che un’esplosione del genere potrebbe distruggere i satelliti in orbita che incontra sulla sua strada, con conseguenze gravissime, soprattutto per le comunicazioni, che subirebbero danni significativi. Secondo le previsioni della Nasa, riportate dal Telegraph, l’Inghilterra potrebbe trovarsi senza elettricità e subire lunghi periodi di black-out e le comunicazioni sarebbero pressoché impossibili.
Una devastante tempesta solare è prevista inoltre per il 2013. Sempre secondo la Nasa, le reti informatiche e quelle elettriche potrebbe essere distrutte dal picco di attività solare previsto per i prossimi anni. (ore 21:00)