Da Bologna al Mali per la solidarietà

Da Bologna al Mali per la solidarietà

Bologna – Un gruppo di amici un po’ folli, la passione dei viaggi on the road e la voglia di provare ad aiutare concretamente nello sviluppo di progetti umanitari, senza limitarsi a staccare un assegno. Questi gli ingredienti di partenza che hanno spinto i Wacky Racers, gruppo di piloti non professionisti liberamente ispirato ai fortunati personaggi creati da Hanna&Barbera negli anni sessanta, a mettersi in gioco per vivere un’avventura mozzafiato alla scoperta di nuovi luoghi, nuovi mondi e nuovi modi di viaggiare, ma soprattutto con la finalità di supportare progetti di beneficenza in Paesi in via di sviluppo.
Il gruppo ha dapprima acquistato un’auto che rispondesse alle curiose “regole del gioco” dettate dagli organizzatori del Dogon Challenge 2010, ossia almeno 10 anni di età e massimo 70 cavalli di cilindrata. In seguito, è cominciata la campagna per la raccolta di “supporters” in grado di collaborare, a vario titolo, alla riuscita di questa avventura, per nulla scontata. Autopromotec, la più specializzata rassegna internazionale delle attrezzature e dell’aftermarket automobilistico, una volta entrata in contatto con gli ideatori del progetto, che in parte risiedono a Bologna, sede anche degli uffici organizzativi della rassegna, si è mostrata interessata fin da subito ad offrire una donazione all’iniziativa.
L’importanza data all’attività stessa di assistenza al mezzo di trasporto, fondamentale per la riuscita del progetto che porterà il team Wacky Racers dall’Italia fino a Bamako, capitale del Mali, unito allo scopo solidaristico e umanitario su cui poggia l’intera iniziativa, hanno colpito positivamente gli organizzatori di questa rassegna fieristica del settore aftermarket automotive che, con cadenza biennale, si svolge nel quartiere fieristico di Bologna ormai da oltre 40 anni e rappresenta un vero punto d’incontro per tutti gli addetti ai lavori del settore, non solo italiani ma anche a livello internazionale.
Al Dogon Challenge 2010, corsa alla scoperta del cuore dell’Africa, si sono fino ad oggi iscritti 11 equipaggi, tutti animati da vero spirito di avventura, amore per la guida e soprattutto per i progetti umanitari.
La corsa benefica partirà da Milano il 26 dicembre poi, in meno di 15 giorni di viaggio e dimenticando le strade asfaltate d’Europa, accoglierà le auto partecipanti a gomme calde sulle strade battute del Marocco, sulle piste di sabbia del West Sahara e della Mauritania, quindi verso la capitale del Mali, Bamako. Qui i mezzi che avranno accompagnato la squadra lungo il viaggio saranno donati all’Associazione Onlus Abarekà Nandrée insieme alla quota che il team, grazie anche ai propri sponsor e supporter, sarà riuscito a raccogliere. Fondamentale sarà dunque il corretto utilizzo e la manutenzione dell’auto prima e durante il viaggio, in modo che possa essere utilizzato poi dai volontari locali per i loro progetti umanitari.
La beneficenza e la corretta preparazione e manutenzione dei veicoli in gara sono gli aspetti fondamentali di questa strana e dura corsa, che non avrà un vero vincitore ma solo un obiettivo comune, il che la rende ancora più speciale.
Abarekà Nandrée è un’associazione laica composta interamente da volontari, apolitica e basata sull’autofinanziamento, che dal 1999 si occupa di cooperazione internazionale ed è presente in Africa dove ha realizzato diversi progetti in ambito sanitario ed educativo.
Wacky Racers, supportato tra gli altri e con grande entusiasmo da Autopromotec, così come ogni team partecipante al Dogon Challenge, si impegna a devolvere, oltre al veicolo di viaggio, tutti i fondi ricavati. Più fondi si riescono a raccogliere, più progetti possono essere portati avanti.
Maggiori informazioni sono disponibili sul sito www.wackyracers.it. (ore 18:00)

NO COMMENTS

Leave a Reply