La ricerca certifica le migliori aziende in ambito Human Resources. La Casa di Borgo Panigale riconosciuta ancora una volta per le eccellenti condizioni di lavoro.

Arriva dal Top Employers Institute, che certifica le migliori aziende nazionali in ambito Human Resources, il riconoscimento “Top Employers Italia 2016” per la Casa di Borgo Panigale. La certificazione Top Employers è data alle aziende che offrono eccellenti condizioni di lavoro, che formano e sviluppano i talenti a ogni livello aziendale e che si sforzano costantemente di migliorare e ottimizzare le loro best practice nel campo delle Risorse Umane.

“In Ducati ci impegniamo per rendere l’esperienza di lavoro stimolante e appagante. Consideriamo i dipendenti Ducati i nostri primi appassionati e tifosi, cerchiamo di sviluppare un forte senso di appartenenza all’azienda e questo è davvero importante per un marchio che fa di passione e forza della propria community un punto fondamentale della sua strategia”, Claudio Domenicali, a.d. Ducati.

Il fulcro della procedura Top Employers è la partecipazione a un severo e approfondito processo di ricerca e il raggiungimento degli alti standard richiesti. A garanzia della validità del processo di ricerca, tutte le risposte vengono sottoposte a una revisione, a dimostrazione che le condizioni di lavoro messe in atto da Ducati sono state attentamente verificate consentendo all’azienda di entrare a far parte di un selezionato gruppo di aziende certificate Top Employers.

Alessio Tanganelli, regional director Italy, Spain, Brazil del Top Employers Institute ha così motivato la certificazione a Ducati: “Un ambiente di lavoro ottimale è in grado di favorire la crescita non solo professionale, ma anche personale e umana. La ricerca Top Employers ha verificato e certificato che Ducati presenta condizioni d’eccellenza in ambito HR e offre un’ampia gamma di benefit e iniziative proattive ai propri dipendenti, dalle condizioni di lavoro, ai benefit non monetari, a politiche strutturate di formazione e sviluppo, il tutto coerentemente in linea con la cultura aziendale”.

NO COMMENTS

Leave a Reply