Milano – Ducati presenta le novità per il 2018. Nella serata dedicata alla casa di Borgo Panigale – dall’evocativo titolo “Sinfonia Italiana” – l’amministratore delegato Claudio Domenicali ha presentato quattro nuove moto e confermato la crescita dell’azienda durante un evento mondiale in live streaming e, per l’Italia, in diretta su Sky.

Ci sentiamo orgogliosamente italiani. Italiani nello spirito sportivo, nel modo di considerare la squadra corse come fosse una famiglia. Ducati è una marca che è cresciuta molto: 12 filiali in tutto il mondo, 70 importatori e 646 concessionari. Una marca che continua a crescere: 7 anni di crescita consecutiva e anche quest’anno volge al bello. Soprattutto, una marca globale: solo il 15% delle moto è venduto in Italia.

Claudio Domenicali

La prima novità Ducati 2018 è lo Scrambler 1100, disponibile anche nelle versioni Special, ispirata al mondo delle customizzazioni, e Sport, l’interpretazione più sportiva. Ci sono poi lo Scrambler Mach2, il Desert Sled nell’inedito colore nero e il nuovo Street Classic.

La serata è proseguita con la presentazione della 959 Panigale Corse e della Multistrada 1260, che guadagna il nuovo motore Testastretta DVT da 1.262 cm3, una nuova ciclistica, elettronica più evoluta e un aggiornamento estetico che comprende nuove ali laterali e ruote dal design più sportivo. La multibike di Borgo Panigale è disponibile anche nelle versioni S con sospensioni semi-attive, S D|Air e Pikes Peak, la più sportiva con sospensioni meccaniche Öhlins e ruote forgiate in alluminio.

Svelate anche la Multistrada 1200 Enduro Pro, la XDiavel in un nuovo colore e il Monster 821, già svelato, in realtà, la scorsa settimana. Ma la protagonista della Ducati World Première è la versione S della nuova Panigale V4, la moto di produzione più vicina a un prototipo MotoGP: la prima moto prodotta in serie dalla Casa bolognese equipaggiata con un motore 4 cilindri strettamente derivato dal Desmosedici GP. Dulcis in fundo, c’è anche la Panigale V4 Speciale, realizzata in serie limitata e numerata con livrea dedicata, scarico in titanio e componenti in alluminio lavorati dal pieno.