Il marchio motociclistico in più rapida crescita a livello mondiale ha presentato a Eicma 2016 la Himalayan. Frutto di 60 anni di esperienza di guida sull’Himalaya e con un design completamente rinnovato (ma che resta spartanamente affascinante) e un nuovo motore LS 410, la Himalayan vuole essere una adventure touring accessibile. Disponibile in due colori (Granite e Snow), è stata infatti riprogettata da cima a fondo per essere una moto semplice ma in grado di andare ovunque.

Costruita su un robusto telaio a doppia culla progettato e sviluppato da Harris Performance, monta al posteriore un mono ammortizzatore con leveraggi e ha un’altezza da terra di 220 mm, mentre le dimensioni delle ruote sono state ottimizzate per ottenere un miglior controllo su rocce e fossi.

L’alimentazione della Royal Enfield Himalayan è composta da una piattaforma di motori a camme in testa completamente nuova e rielaborata che costituisce il supporto del motore a corsa lunga LS 410. Il serbatoio da 15 litri offre un’autonomia di circa 450 km.

1366x768_Image26 (FILEminimizer)

La strumentazione è semplice, e segnala velocità, direzione, temperatura ambiente, tempo di viaggio, intervalli di manutenzione e distanze di viaggio. Ancora più importante, l’equilibrio tra pedane, manubrio e altezza della sella (800 mm) fornisce una posizione di guida eretta fondamentale per le lunghe passeggiate. Il sistema frenante è composto da un disco anteriore di 300 millimetri e uno posteriore di 240 mm, abbinati all’ABS a doppio canale.

Accanto alla Himalayan, Royal Enfield ha presentato a Eicma 2016 anche la sua nuova gamma di motociclette, Euro 4, che comprende la Bullet 500cc, i modelli retro-street Classic 500cc e Classic Chrome e la Continental GT (535 cc), cafè racer per la prima volta con ABS.